Contratto di Locazione con Garante: Come Funziona l’Affitto Quando c’è una Figura di Garanzia

contratto di locazione con garante fac simile e modello

Il contratto di locazione con garante può venirsi a delineare quando il proprietario di casa ha bisogno di una figura terza rispetto agli inquilini, per assicurarsi la possibilità di recuperare i soldi dell’affitto, nel caso in cui gli inquilini non avessero più la possibilità di metterli a sua disposizione.

Spesso, quando si fa un contratto di locazione, specialmente se gli inquilini sono degli studenti o delle giovani coppie che non possono contare su una stabilità economica definita, si incontrano parecchie difficoltà nell’ottenere un immobile in affitto.

I proprietari di casa temono che gli inquilini diventino morosi, dovendo così ricorrere ad una serie di procedimenti burocratici molto complicati e non avendo la possibilità di recuperare il canone mensile che è stato stabilito al momento della stipula del contratto.

Garante affitto: chi è

Entra così in gioco la figura del garante, una persona che viene richiesta perché possa assumersi la responsabilità verso il creditore.

Sostanzialmente si tratta di una persona aggiuntiva all’intestatario del contratto di affitto che viene appositamente aggiunta come garanzia.

Nel caso dunque di mancato pagamento del canone il padrone di casa potrà rivalersi sulla figura del garante.

Il contratto di locazione per uso abitativo con garante, ma anche il contratto di locazione commerciale con garante, prevedono l’intervento di una terza persona, che è obbligata a pagare il canone mensile per l’affitto, qualora i diretti inquilini non lo paghino.

Ma andiamo più a fondo e vediamo in che cosa si concretizza l’intervento del garante, che è chiamato anche fideiussore.

Nello specifico in questo articolo ti spiegheremo quanto è importante e come funziona la figura del garante.

Ti consiglieremo quando è necessario inserire una parte terza nel contratto di affitto e soprattutto ti forniremo il fac simile gratuito scaricabile con il testo preciso da inserire nel contratto di affitto.

Sei pronto?

INIZIAMO!

Contratto di locazione con garante: come interviene

“Garante contratto locazione”: una figura molto importante che molto spesso viene sottovalutata!

Ecco perchè dovresti prenderla in considerazione!

Il garante interviene nel caso di morosità da parte dell’inquilino, sostituendosi a lui nel pagamento del canone mensile.

A seconda di ciò che è stato stabilito nel contratto di locazione, la garanzia può coprire una parte del periodo di locazione o tutto il periodo stesso.

I dati del garante affitto compaiono sul contratto di locazione

Il fatto che ci sia il garante viene testimoniato anche nell’ambito specifico del contratto stabilito tra proprietario e conduttore.

Infatti sul contratto di affitto vengono riportati, in caso di presenza di un garante:

  • i suoi dati anagrafici
  • i riferimenti della sua carta d’identità
  • codice fiscale

Il garante è anche obbligato a mettere la firma sul contratto di affitto.

È bene chiarire, però, che, se anche è stata definita la presenza di un garante al momento della stipula del contratto di locazione, tutto ciò non può sostituire il deposito cauzionale, la somma che il conduttore deve versare al proprietario dell’immobile, nel momento in cui prende possesso della casa.

Il deposito cauzionale resta obbligatorio anche nel caso della presenza del garante e il proprietario di casa è autorizzato a trattenere da esso la somma necessaria ad intervenire per riparare eventuali danni che sono stati riscontrati nell’immobile in seguito all’affitto.

Per esempio, nel caso in cui si affitta un immobile ad uno studente (QUI trovi le info sul contratto per studenti e il fac simile scaricabile), generalmente la figura del garante è rappresentata da uno dei due genitori.

In questo modo il locatore ha una probabilità in più che venga soddisfatta l’obbligazione da parte dell’inquilino nei suoi confronti.

Per l’inquilino rappresenta anche una possibilità in più di trovare una casa in affitto, specialmente nelle zone ad alta intensità abitativa, in cui le domande di case in locazione superano la disponibilità delle abitazioni.

È molto più facile per un inquilino trovare una casa in affitto, se può contare sulla presenza di un garante.

Secondo gli esperti nel mercato immobiliare, di certo il garante è quella figura che può permettere un maggiore avvicinamento tra domanda ed offerta.

Quanto costa il garante a livello fiscale?

Per quanto riguarda i costi a livello fiscale, bisogna delineare una differenza che si ha con i contratti a cedolare secca rispetto a quelli che si avvalgono del regime fiscale ordinario.

Quando si stipula un contratto di locazione, il proprietario di un immobile che dà in affitto la casa può scegliere il regime agevolato della cedolare secca, per non pagare l’imposta di registro e l’imposta di bollo.

In questo caso la presenza del garante non comporta un aumento delle spese da pagare. Per quanto riguarda il regime fiscale ordinario, si deve versare al Fisco, con la presenza del garante, un’imposta di registro fissata dello 0,50% di un anno di canone di locazione e che non sia inferiore alla somma di 200 euro.

Fac simile Contratto di Locazione per inserire la figura del Garante

A questo punto della guida ti facciamo un esempio pratico indicandoti precisamente cosa scrivere nel contratto per inserire la figura del Garante.

Contratto di Locazione con Garante Fac Simile (al fondo dell’articolo trovi il formato scaricabile):

“Per tutta la durata del contratto di affitto anche nel caso di eventuali proroghe e rinnovazioni, il Sig. (Nome e Cognome del Garante) nato a……………… il …………….. e residente nella città di …………… Provincia ……………. in via………………… C.F………………….. NUMERO C.I………………………….. rilasciata dal comune di ……………….., si impegna puntualmente e senza condizioni per le obbligazioni assunte con il contratto di affitto stipulato al conduttore (Nome e Cognome) a favore del proprietario dell’immobile (Nome e Cognome) e in particolare per il pagamento del canone di locazione che ammonta ad euro ( inserire l’importo mensile esatto) come specificato e indicato dall’articolo 2 presente nel contratto di affitto, nonchè per il pagamento di tutti gli oneri accessori, interessi o penalità nel caso di ritardato pagamento ed indennità di occupazione ed eventuale risarcimento dei danni procurati all’immobile sia nel caso di rescissione del contratto di affitto sia nel caso di riconsegna dell’immobile.”

Al fondo dell’articolo potrai trovare il fac simile che ti abbiamo appena proposto in formato doc: uno strumento utile qualora tu voglia inserire la figura del garante nel contratto di affitto.

Prima però vogliamo fornirti altre informazioni molto utili quando si parla di garanzie legate al contratto di affitto.

La fideiussione per l’affitto

La fideiussione è una forma di garanzia che può essere concessa ad una persona o ad una società da parte di una banca o di una compagnia assicurativa per il pagamento del canone di locazione.

È una forma di garanzia attualmente piuttosto diffusa, perché i locatori sono alla ricerca di maggiori possibilità di vedersi protetti da eventuali inadempienze da parte del conduttore nel pagamento del canone mensile.

Abbiamo due tipi di fideiussione per l’affitto, a seconda che ci si rivolga ad una banca o ad una compagnia assicurativa.

Fideiussione bancaria per affitto come funziona 

Nel primo caso a fare da garante è l’istituto di credito, nel secondo caso è la compagnia assicurativa.

Rivolgendosi ad una banca o ad una compagnia assicurativa per ottenere la fideiussione, si devono pagare anche dei costi di commissione, che variano in base alla durata del contratto.

Inoltre l’affittuario deve pagare alla banca anche degli interessi, che vengono calcolati in base all’importo del canone di locazione annuo.

Generalmente gli interessi richiesti dagli istituti di credito sono del 3%.

Informazioni dettagliate e precise riguardo la fideiussione bancaria o la fideiussione assicurativa puoi trovarle in questi articoli:

Documenti da presentare per richiedere la fideiussione

Per richiedere alla banca una fideiussione per affitto, bisogna presentare:

  • la dichiarazione dei redditi,
  • il modello Cud e le buste paga,
  • la carta d’identità e il codice fiscale,
  • la copia del contratto di locazione
  • la copia del certificato camerale nel caso di locazione di immobili commerciali.

Fideiussione affitto casa con assicurazione

Per quanto riguarda la fideiussione assicurativa per affitto richiesta ad una compagnia di assicurazione, la procedura implica la sottoscrizione di una polizza.

Le uniche differenze consistono soprattutto nella cosiddetta clausola della escussione a prima richiesta, che è solitamente sempre presente nella fideiussione bancaria e non obbligatoriamente in quella assicurativa.

Questa clausola significa che la banca è obbligata a pagare il canone di locazione non appena il locatore ne faccia richiesta scritta, invece di avviare un procedimento nei confronti dell’affittuario.

Un’altra differenza è rappresentata dai controlli sulla posizione finanziaria dell’inquilino, che la banca riesce a mettere in atto e che la compagnia di assicurazione, invece, non può effettuare.

In ogni caso entrambe sono delle ottime garanzie per il locatore, che spesso, anche a causa della crisi economica in atto, si ritrova alle prese con lo sfratto per morosità.

Contratto di locazione con garante: formato scaricabile

Come ti abbiamo accennato prima a questo punto, dopo averti fornito tutte le informazioni necessarie che riguardano le garanzie legate al contratto di affitto, ti forniamo uno strumento utile, ossia la possibilità di scaricare il testo (in formato doc) da inserire nel contratto di locazione con garante. Una garanzia in più, come ti abbiamo spiegato, che si può rivelare molto utile!


Registrazione del contratto di locazione con garante

Nonostante si inserisca una terza persona nel contratto di affitto se ti stai chiedendo come funzioni la registrazione del contratto ci teniamo a precisare che non devi preoccuparti o porti molte domande in quanto avviene sempre allo stesso modo.

A questo proposito ti ricordiamo che abbiamo creato una guida specifica che ti spiega e fornisce tutte le informazioni riguardo questo punto: Registrazione contratto di locazione: come funziona

Tipi di contratto di affitto: approfondimenti utili

E’ molto importante scegliere la forma contrattuale corretta. Questo potrai farlo solo raccogliendo più informazioni possibili e scegliendo la forma contrattuale che fa la caso tuo valutando le spese a cui vai incontro e considerando tutte le garanzie possibili.

Sul nostro sito puoi trovare tutte le informazioni che ti servono sull’affitto.

In particolare abbiamo recensito tutti i tipi di contratto di affitto al fine di fornire informazioni precise e dettagliate che permettano di scegliere la giusta forma contrattuale.

Vediamo quali sono:

31 Commenti

    • Buongiorno in questo caso in linea generale è previsto un tributo (soglia minima di 200 euro) che si versa separatamente tramite il modello F23 e cod. tributo 109T.

      Tuttavia ti consigliamo di contattare l’ufficio dove intendi registrare il contratto in quanto alcune specifiche del tuo contratto potrebbero condizionare il pagamento o meno del tributo e la compilazione dunque del modello.
      Pertanto è sempre meglio raccogliere informazioni dallo sportello che lavorerà la pratica di modo tale da non commettere errori e non spendere più di quello che si deve.
      Grazie per averci contattato.

  1. Buongiorno,
    io devo registrare un contratto di locazione cointestato tra 4 inquilini, le quote sono divise al 25% tra tutti e uno di questi ha bisogno del garante.
    il canone annuo è di 16400 euro, il garante risponde per la quota di un inquilino quindi per 4100€, al momento della registrazione il software rli mi calcola che devo pagare 348,50€ che sarebbero 328 di imposta di registro e 20.50€ per la quota del garante.
    volevo capire se il calcolo è corretto o se devo pagare 328€+200€ per un importo complessivo di 528€.
    cordialmente saluto
    Luca

    • Buongiorno in questo caso è previsto un tributo (soglia minima di 200 euro) che si versa separatamente tramite il modello F23 e cod. tributo 109T.
      In ogni caso ti consigliamo sempre di contattare l’ufficio addetto in quanto alcune specifiche del tuo contratto di affitto potrebbero condizionare il pagamento del tributo.

      Grazie per averci contattato

  2. Salve. Vorrei sapere perché in Italia la morosità colpevole non viene considerata un reato e perché non e’ possibile sfrattare immediatamente e senza spese (magari con un semplice intervento dei Carabinieri) l’inquilino moroso e disonesto, che e’ perfettamente in grado di pagare ma non lo fa, beffeggiando le non-leggi italiane. Gradirei sapere se a questo stato di cose, ormai diffusissimo, il ministro di Giustizia ha intenzione di porre rimedio o se andremo avanti sempre in questo modo iniquo, sopportando a oltranza le angherie e i soprusi di inquilini che, oltre a non pagare il canone concordato, ci lasciano le case in condizioni disastrose, praticamente da ricostruire. E poi, se le lasciamo sfitte, ci tartassano con Imu stratosferiche! O per ottenere un risarcimento danni (sempre che ci si riesca) dobbiamo aspettare una vita… Poveri noi, come siamo messi

    • Purtroppo in Italia al momento è così che funziona e le garanzie che possono essere applicate all’affitto sono l’unica strada percorribile per evitare di rimetterci dal punto di vista economico.
      Consigliamo di leggere anche l’articolo sulla

    • Povera Paola, capisco benissimo la frustrazione che si deve sopportare per situazioni che hai descritto.
      In Svizzera, se devi allontanare un inquilino è piu semplice e vi sono leggi che tutelano i proprietari.
      Invii diffida raccomandata ( se non la ritira, puoi benissimo inviare un messaggio sul telefonino ) lo fai convocare dall’Ufficio Conciliazione, se si trova un accordo bene, se dovesse andare male, fai immediata istanza presso la Pretura ( dinanzi al Giudice ) poi in base alla discussione il Giudice prende la decisione di sfratto. Se l’inquilino non ha pagato arretrati di affitto da 30 giorni per lasciare l’appartamento, se non lascia gia nella decisione scritta alla fine dell’incontro vi è scritto ben chiaro: che puoi chiamare la Polizia e dare sfratto immediato, basta presentare la decisione del Giudice. Ma si sa che vostre leggi e tasse sugli immobili sono disastrose… no comment !

    • Buongiorno, Le consigliamo di affidarsi ad un consulente esperto in quanto in questi casi la registrazione di un cittadino straniero per regolarizzare un affitto prevede procedure precise e molto spesso differenti.

  3. FRANCESCO
    Io avrò bisogno di un garante per stipulare un contratto d’affitto. Il garante sarà una persona di famiglia che si renderà disponibile. Questa persona vorrebbe sapere se, fare da garante, comporti una qualche limitazione nell’uso dei suoi strumenti finanziari. Per esempio, potrebbe non poter accedere ad una finanziaria per l’acquisto di beni o altro, dal momento che ha preso l’impegno di garantire il pagamento dell’affitto al sottoscritto?

    • Ciao,
      fare da garante in un contratto di affitto significa semplicemente che nel caso tu non dovessi pagare il canone il padrone di casa lo pretenderà da chi ti ha fatto da garante.
      Non ci sono limitazioni per il garante riguardo strumenti finanziari.
      Grazie per averci contattato
      Continua a leggerci

      • Se io faccio da garante a mio figlio per affittare casa a Milano, malauguratamente covid 19…per qualche mese posso sopperire al pagamento io dell’affitto…ma se Dio non voglia…dobbiamo finire il rapporto di affitto e uscire…IO COME GARANTE non è che per la durata del contratto…4 ANNI….dovrò pagare tutto? O solo il mese
        corrente e uscire?
        Aiutatemi a capire. Grazie.

        • Buongiorno,
          in qualità di garante dovrai attenerti al regolamento del contratto di affitto. Facciamo un esempio reale: se dovesse succedere che a novembre a causa del covid le università chiudano dovrai comunque pagare il canone di affitto come da contratto. Avrai allo stesso tempo la possibilità di disdire il contratto (come da accordi con il padrone di casa e come segnalato sul contratto di affitto) rispettando il periodo di disdetta e inviando una raccomandata al padrone di casa.

  4. Buongiorno,
    ho appena compilato ed inviato una richiesta di subentro per la sostituzione di un conduttore avente il garante regolarmente inserito nel contratto; il nuovo conduttore avrebbe anche lui la disponibilità della mamma come garante. vorrei cortesemente sapere come poter fare la sostituzione visto che in fase di registrazione del subentro non ne ho trovato la possibilità.
    Grazie

  5. Buongiorno,
    per registrare un contratto uso transitorio con garante devo inserire qualcosa di particolare nel modello RLI? Oppure viene registrato come un normale contratto uso transitorio senza garante?
    Grazie

  6. buongiorno come mai nel facsimile della frase per il garante fidejussore non avete scritto il massimale per cui il garante e’ chiamato a coprire? senza il massimale, ormai da 3 anni , vedere sentenze cassazione,la fidejussione e’ nulla

    • Buongiorno, il massimale di cui parla è strettamente correlato al canone di affitto.
      Non è un caso che il facsimile che vi proponiamo sia dunque compilabile e modificabile!
      Saluti

  7. Buongiorno, nel caso in cui il garante sia il datore di lavoro, se il dipendente interrompe il rapporto lavorativo e smette di pagare l’affitto, non essendoci vincoli di parantela, il garante , venendo meno il vincolo di interesse, è obbligato a pagare l’affitto fino alla disdetta del contratto ?grazie mille

    • Buongiorno,
      nel contratto di affitto è necessario specificare che nel caso si interrompa il rapporto di lavoro il datore di lavoro non è da considerarsi garante del contratto di affitto in questione venendo meno il vincolo di interesse.

  8. Buongiorno , sto per stipulare un contratto di affitto e il padre del mio compagno farebbe da garante. Il problema è che lui per motivi di lontananza e perché accudisce la madre anziana , farebbe molta fatica a presenziare al momento della stipula.
    Chiedo se è possibile fare firmare il contratto prima del momento della stipula ( quindi portandoglielo a casa) ed eventualmente presenziare solo noi il tal giorno oppure con una delega … Insomma è obbligato a presenziare il garante al momento della stipula?

    • Salve,
      “Per quanto riguarda il regime fiscale ordinario, si deve versare al Fisco, con la presenza del garante, un’imposta di registro fissata dello 0,50% di un anno di canone di locazione e che non sia inferiore alla somma di 200 euro.”
      A carico del proprietario! Scegliere il regime agevolato della cedolare secca può essere una buona scelta.
      Saluti

  9. Salve. Vorrei comprendere meglio i limiti entro cui ci si può rivalere sul garante. Se ad esempio affittassi ad una persona che non ha uno stipendio fisso, inserendo però come garante un fratello/genitore/figlio ad esempio con un ottimo stipendio statale, cosa succederebbe se entrambi smettessero di pagare? O se, a scadenza del contratto, l’inquilino rifiutasse di andarsene, di fatto occupando abusivamente l’immobile? Anche in questi casi ci si può rivalere sul garante? Grazie.

  10. Buongiorno e grazie per il chiaro articolo. Poiche’ devo funzionare da garante ad una mia badante x l’affitto del suo monolocale, vorrei sapere in merito alla frase che voi avete messo nel vostro facsimile :” pagamento di tutti ……… ed eventuale risarcimento dei danni procurati all’immobile” se si puo chiedere un limite a tale garanzia. Infatti nel mio caso il monolocale e’ dotato di gas (cucina, bagno…); se facendo i debiti scongiuri si procurasse un grosso danno all’immobile, puo’ il garante rispondere per il costo della struttura? o si deve inserire un chiarimento che il coinvolgimento del garante e’ limitato agli affitti ed a ‘piccoli’ danni?
    Grazie infinite per una pronta risposta e se potete rispondermi anche per e-mail.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here