Pareti Divisorie Ikea: Come Dividere un Ambiente Senza Costruire Muri

2
1354
pareti divisorie ikea idee
Immagine tratta da Ikea

Le pareti divisorie Ikea sono sicuramente una delle soluzioni più economiche se si intende dividere un ambiente open space, senza costruire muri e risparmiando allo stesso tempo del denaro.

Oggi vedremo proprio come funzionano le pareti divisorie fornite dalla famosa ditta svedese IKEA.

Non si tratta solo di semplici pareti in cartongesso, posizionate per dividere una grande stanza in due, possiamo  infatti anche prendere in considerazione delle pareti scorrevoli, delle porte a soffietto, le pareti attrezzate e via dicendo. Vediamole insieme!

IKEA, un nome, una garanzia

Ormai da decenni, la famosa azienda IKEA, nata in Svezia, si è specializzata nella produzione di ogni tipo di oggetto utile per arredare le nostre case, in modo semplice ed economico, mettendo a nostra disposizione una vasta gamma di prodotti.

Infatti, se sei mai stato in uno dei grandissimi negozi firmati IKEA, sicuramente avrai in mente la vastità delle collezioni firmate da questa azienda.

E’ possibile scegliere qualsiasi tipo di genere per le nostre stanze, a partire dai forti colori etnici, fino ai complementi di arredo più classici.

Tra questi prodotti troviamo anche le pareti divisorie, utilissime se abbiamo intenzione di dividere ad esempio un ambiente open space, senza l’impegno e la scomodità (fisica ed economica) di abbattere o di costruire muri.

Andiamo adesso a vedere bene di cosa si tratta!

Come possiamo dividere un ambiente senza costruire muri?

Come abbiamo già detto qualche riga sopra, le pareti divisorie sono senza alcun dubbio la soluzione ideale per dividere un ambiente, ad esempio in un piccolo monolocale, senza dover chiamare il personale addetto per la costruzione dei muri.

Proprio con lo scopo di fornirci una soluzione utile a questo tipo di problema, IKEA mette a nostra disposizione diversi tipi di mobili e strutture, adatti alle nostre esigenze.

I più comuni sono sicuramente quelli citati in seguito:

  • Dei grandi scaffali costituiti da diversi scomparti, perfetti se, ad esempio, vuoi dividere il tuo salotto dalla sala da pranzo, senza il senso di occlusione che provocherebbe una parete;
  • Un mobile con gli scaffali, dotato ad esempio di una scrivania, perfetto se non hai abbastanza spazio per inserire i due complementi di arredo separatamente nella stessa stanza;
  • Un grande guardaroba sarebbe l’ideale se, ad esempio, la tua camera da letto è molto ampia e vuoi creare una sorta di separé tra il letto e la zona in cui avrai intenzione di cambiare i tuoi abiti;
  • I famosi separé pieghevoli (o paravento) che puoi spostare in qualsiasi zona della tua casa, a seconda delle tue necessità;
  • Le pareti divisorie scorrevoli Ikea, anche conosciute con il termine Scrigno oppure come Porte scorrevoli a scomparsa, danno un tocco di eleganza alla tua casa, permettendoti di guadagnare lo spazio che occuperesti con l’installazione di una porta e, allo stesso tempo, dandoti la possibilità di creare un ambiente aperto ogni volta che ne avrai voglia.

Infine citiamo le pareti a soffietto (o porte a soffietto Ikea), anch’esse adatte particolarmente nel caso in cui non solo vuoi evitare di costruire un muro a partire da zero, ma anche per guadagnare lo spazio che occuperebbero le porte tradizionali.

Andiamo adesso a vedere in modo più dettagliato quali sono i pro e i contro delle soluzioni che ci offre questa famosa azienda svedese, cercando di capire anche quali sono orientativamente i costi delle stesse.

Dividere un ambiente open space con i mobili IKEA

Una delle prime soluzioni di cui abbiamo parlato, quindi, sono i mobili di IKEA che, in un certo senso, sono i principali responsabili della fama di questa azienda.

Infatti, IKEA mette a nostra disposizione una vastissima gamma di mobili più o meno grandi con lo scopo di permetterci di creare diversi ambienti in quello che inizialmente era un open space.

Si tratta di mobili di ogni genere che vanno dai colori più sgargianti a colori neutro come il bianco e il nero, praticamente c’è l’imbarazzo della scelta!

Prova a pensare di avere un salotto molto grande, con la cucina in un angolo. Se volessi dividere la zona relax dalla cucina, per nascondere ad esempio il pentolame e le stoviglie, uno scaffale pieno di scomparti sarebbe la soluzione ideale.

Con un mobile ricco di ripiani, infatti, avrai la possibilità di dividere il tuo ambiente senza nascondere troppo quello che c’è dietro. Sarà poi tuo il compito di decorare il mobile come meglio preferisci, magari inserendo dei fiori o delle candele per dare colore alla stanza.

In genere questa tipologia di mobili è composta da tantissimi cubi, e se vuoi creare un ambiente più riservato puoi coprire i cubi vuoti con delle scatole su misura oppure con dei libri, perfetti per dare un’aria più accogliente al tuo salotto.

Questi mobili non solo sono perfetti per l’esempio che abbiamo fatto sopra (ossia per dividere un’ipotetica cucina dal soggiorno), ma anche per dividere la zona notte dalla zona giorno, nel caso in cui vivessi in un monolocale.

Dividere un ambiente open space con le pareti divisorie attrezzate Ikea… e non solo

Oltre ai mobili, però, IKEA ci regala moltissime idee per dividere i nostri ambienti, le più comuni sono senza alcun dubbio le pareti divisorie.

Queste pareti possono essere realizzate con diversi tipi di materiale, soprattutto in base ai tuoi gusti e allo spazio che hai a disposizione.

Proviamo a riprendere l’esempio che abbiamo fatto prima, anche perché dividere il soggiorno dalla cucina è quasi sempre il motivo per cui si pensa di acquistare una parete di questo tipo.

Una parete divisoria attrezzata sarebbe l’ideale per dividere i due spazi ed avere un punto in cui posizionare il tuo televisore, con annesso impianto audio, dandoti la possibilità di creare uno spazio nuovo da sfruttare come meglio credi.

La parete attrezzata, però, non consiste solo in un complemento di arredo costituito da ripiani e scomparti in bella vista, puoi anche scegliere una parete di questo tipo ricca di ante che ti permetteranno di avere un ambiente più chiuso, senza trasparenza.

Un’altra soluzione perfetta per ovviare il problema di spazio è quella della parete scorrevole che, non solo ti da la possibilità di dividere un ambiente open space, ma ti permette di mantenerlo aperto ogni volta che lo vorrai e, se invece vuoi mantenere una certa intimità, ti basterà chiudere la parete scorrevole.

Quali sono i pro e i contro delle soluzioni di cui abbiamo parlato?

Ovviamente ogni cosa ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi, e le soluzioni di cui abbiamo parlato certamente non fanno eccezione! Andiamo a vedere di seguito quali sono i pro e i contro.

Pro

I pro dei mobili per dividere un ambiente open space: il vantaggio principale di questa soluzione riguarda sicuramente il fatto che, se per qualche motivo dovessi traslocare, puoi portare con te il mobile che hai acquistato, e, allo stesso modo, puoi liberartene nel caso in cui hai trovato una soluzione che ti aggrada di più, senza il bisogno di fare alcun tipo di lavoro dentro la tua casa.

Un altro vantaggio di questa soluzione riguarda il cambio di arredamento e di stile che, eventualmente, vorrai fare.

Ti basterà rimuovere i vecchi fiori, o i libri o qualsiasi altro accessorio, per inserirne dei nuovi e rinnovare la tua abitazione.

Un altro vantaggio delle pareti divisorie: la parete divisoria ti dà soprattutto il vantaggio di dividere il tuo ambiente open space (oppure la zona giorno dalla zona notte) sfruttando una minima quantità di spazio.

Infatti, come abbiamo già accennato in precedenza, potresti pensare di acquistare una parete attrezzata da soggiorno che ti permetta di tenere tutte le tue cose in un solo complemento d’arredo, senza il bisogno di inserire altri mobili e, quindi, di occupare altro spazio.

Allo stesso modo, una parete divisoria fatta di ante, ti permetterebbe di guadagnare spazio e ripiani per tenere la tua roba in ordine.

Se invece hai optato per una parete divisoria scorrevole, il vantaggio riguarda soprattutto la possibilità di avere uno spazio chiuso o aperto in base alle tue esigenze personali.

Contro

I contro dei mobili per dividere un ambiente open space: gli svantaggi sono relativamente pochi, tutto dipende da che idea hai di dividere il tuo ambiente.

Ad esempio, se hai intenzione di creare una sorta di parete divisoria con l’inserimento del mobile ma vuoi anche mantenere la tua intimità, ti consigliamo di scegliere un’altra soluzione perché questa, a lungo andare, potrebbe stufarti.

Se vogliamo proprio trovare un altro svantaggio potremmo pensare al fattore della polvere. Sicuramente sarà più faticoso spolverare un mobile ricco di scomparti, piuttosto che una parete divisoria fatta di ante.

La pecca di questa soluzione per dividere i tuoi spazi riguarda sicuramente la leggerezza del materiale che spesso si dimostra meno durevole nel tempo rispetto alla classica muratura.

Non c’è bisogno di ricordarti, infine, che tutte le soluzioni di cui abbiamo parlato, non prevedono la costruzione di un muro e, quindi, non necessitano di mettere a soqquadro la tua casa per i lavori, né ti costringono a mantenere la stessa disposizione delle stanze per lungo tempo.

Quali sono in genere i prezzi relativi di queste soluzioni?

Andiamo adesso a parlare dell’aspetto economico delle soluzioni che abbiamo trattato. Ossia quanto costerebbe dividere un ambiente open space (oppure la zona giorno dalla zona notte) con un mobile o una parete divisoria IKEA.

Come già saprai, la ditta svedese di cui abbiamo trattato, generalmente, ha dei costi piuttosto sostenuti per fornirti la soluzione giusta ai tuoi problemi di arredamento.

Nel nostro caso, ossia nel caso di mobili perfetti per dividere i nostri ambienti, parliamo di un prezzo che oscilla dai 60 euro (per i mobili più piccoli, con pochi scomparti) fino ai 700 euro circa, se intendi acquistare mobili ricchi di scomparti ed ante.

Invece, per quanto riguarda le pareti attrezzate, il prezzo tenderà a lievitare perché si tratta di complementi d’arredo di design, con lo spazio apposito per il tuo impianto TV o Stereo, e dalla grandezza di una vera e propria parete!

Anche le pareti scorrevoli, o a soffietto, hanno un costo superiore rispetto ai mobili che ci fornisce l’azienda. Questo accade soprattutto perché hanno bisogno di un particolare sistema a binari per permetterne l’apertura e/o la chiusura.

Infine, se vuoi spendere una cifra nettamente inferiore, puoi pensare di optare per un paravento pieghevole che può costare dai 40 ai 70 euro, in base al materiale e al modello che avrai scelto, con il vantaggio di poterlo spostare ogni volta che vorrai nel posto che preferisci.

Ulteriori risorse utili

Spesso coloro che cercano informazioni e consigli per ottimizzare gli spazi della propria casa sono le persone che hanno problemi di spazio. Per questo vi consigliamo anche la lettura di altri articoli legati a questa tematica:

Buona lettura!

LEGGI ANCHE



2 Commenti

  1. Salve: potete per favore indicarmi il nome e fornitore della parete divisioria formata dai rettangoli neri (foto con il divano in pelle e i pouff gialli)? Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here