Investimenti Immobiliari

Comprare casa in Svizzera: come avviene la proposta di acquisto!

0
163
comprare casa in svizzera

Comprare casa in Svizzera non è tra le procedure più semplici per chi non è residente. Il mercato svizzero, a prescindere dal perché stai comprando (se per avere una casa vacanze oppure se vuoi investire), è estremamente regolamentato, e il grosso delle negoziazioni immobiliari sono purtroppo sottoposte a procedura di autorizzazione.

Questo ovviamente non deve essere considerato un ostacolo per l’acquisto della casa dei tuoi sogni in Svizzera – c’è soltanto da tenere bene a mente, anche prima di cominciare a cercare, che il mercato immobiliare svizzero è uno dei più chiusi a livello mondiale, con lungaggini burocratiche e intromissioni statali/cantonali che possono rendere l’intera procedura poco piacevole.

Stiamo però comunque parlando di un mercato dove girano cifre molto importanti, e che può offrirti i più alti standard sia a livello di investimento, sia a livello di qualità della vita, nel caso in cui dovessi poi sfruttare la casa che avrai acquistato per trasferirti proprio in Svizzera.

In ogni caso ti consigliamo e ti ricordiamo di leggere la nostra guida su: Comprare Casa all’Estero: Dove Conviene Investire? 

Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’acquisto di un immobile in Svizzera – tra tasse da pagare, ricerca dell’immobile giusto e procedure.

Gli stranieri possono comprare casa in Svizzera?

Sì, anche se questa tipologia di compravendite sono sottoposte a regolamenti relativamente restrittivi, nel senso che purtroppo non tutti possono acquistare liberamente o comunque sfruttare l’immobile come meglio si preferisce.

In linea di massima possono comprare una casa in Svizzera:

  • I cittadini Europei (e quindi anche gli italiani), che hanno un permesso di soggiorno svizzero;
  • Chi ha un permesso C per vivere in Svizzera.

Nel caso in cui invece tu fossi in possesso di un permesso B, potrai comunque acquistare, ma soltanto nel caso in cui dovessi vivere in quella casa – non potrai cederla con affitto e questo restringe di molto le possibilità che vengono offerte all’investitore che magari aveva pensato di acquistare per mettere a rendita.

Al di fuori di questi casi, è necessario ottenere una autorizzazione cantonale per acquistare il proprio immobile sul territorio svizzero, autorizzazione che non è impossibile da ottenere, ma che fa lievitare tempi e costi.

Trovare una proprietà in Svizzera per l’acquisto

Superato l’inghippo delle restrizioni a carico degli stranieri, puoi procedere alla ricerca di un immobile che possa soddisfare le tue esigenze.

Puoi trovare il tuo immobile via agenzia, rivolgendoti ai seguenti gruppi:

  • Privera
  • Wincasa (ha anche un portale in italiano, nel caso in cui non fossi in grado di comprendere francese o tedesco)
  • SPG (opera soltanto in francese)
  • Naef (ibidem, opera soltanto in francese)
  • Moser Vernet

Nel caso in cui volessi provare ad acquistare da un privato, senza avvalerti dell’assistenza di una agenzia, potrai rivolgerti ai seguenti portali web per cercare un immobile adatto:

  1. Homegate
  2. ImmoStreet
  3. Bekeys
  4. UMS (anche se è specializzato in affitti)
  5. ImmoScout24

Passando in rassegna sia le agenzie che ti abbiamo segnalato, sia i siti internet appena citati, dovresti essere in grado di raggiungere praticamente ogni tipo di offerta di vendita dovesse essere presente sul territorio Svizzero.

Non hai alcun motivo per rivolgerti a sedicenti liberi professionisti che si propongono come procacciatori d’affari.

Quello svizzero è infatti un mercato estremamente strutturato, che ti permette di rivolgerti ad agenzie ben strutturate e a siti internet dai quali i nostri, quelli per la compravendita in Italia, avrebbero molto da imparare.

La proposta di acquisto

Anche qui ci sono delle particolarità importanti, almeno rispetto all’Italia. La proposta di acquisto viene infatti accompagnata in genere dal 20% di caparra (contro il 10% classico in Italia), di cui il 10% almeno in contanti, nel senso di somma immediatamente disponibile per il venditore.

Vale la pena di ricordare in questo frangente che la nostra solvibilità deve essere chiara già da questo momento – se prenderemo un mutuo per pagare la casa, è bene far partecipare la banca anche a questo tipo di accordo, dato che difficilmente in Svizzera si accettano “promesse” che non sono sostenute da un chiaro impegno economico.

Il 20% di un immobile in Svizzera è una somma molto importante – un appartamento con 2 camere da letto in zone non particolarmente care finisce per costare anche 800.000 euro. Il 20% da sborsare subito sarebbe, in questo caso, di 160.000 euro, somma che in molte zone d’Italia è sufficiente per acquistare un immobile.

La vendita

Per l’atto di vendita ci si deve rivolgere, proprio come in Italia, ad un notaio. Si tratta di un costo aggiuntivo importante, soprattutto tenendo conto del fatto che, come vedremo tra pochissimo, si tratta di una parcella in percentuale sul prezzo finale di vendita.

Dal notaio si firma un contratto di vendita che è standard, a meno che non ci siano situazioni particolari a carico dell’immobile – e vi parteciperà la banca nel caso in cui avessimo richiesto un mutuo per acquistare la casa.

La banca in questo caso può essere di estremo aiuto anche perché, una volta concesso il mutuo, avrà interesse a che la compravendita fili il più liscio possibile. È una ottima idea farsi concedere un mutuo in sede di proposta di acquisto, per poi avvalersi degli specialisti che verranno indicati dalla banca.

L’atto, per essere completato, necessita di documentazione analoga a quella che è necessaria in Italia – fogli catastali, certificati energetici, certificati di assenza di ipoteca. Se ne occuperà comunque il notaio, che in Svizzera è una figura professionale estremamente affidabile.

Costi aggiuntivi per comprare una casa in Svizzera – Parcella del Notaio e tasse

Veniamo alla nota dolente – ovvero i costi aggiuntivi che sono rappresentati da questioni quali il notaio e le imposte.

Per quanto riguarda il notaio, parliamo di una parcella che va dallo 0,2% all’1% della somma di compravendita effettiva riportata sul contratto.

Tendenzialmente la percentuale scende al crescere del valore dell’immobile. Ricordiamoci però degli enormi costi di un appartamento anche modesto in Svizzera – difficilmente pagheremo meno di 5-6.000 euro per una compravendita.

Per quanto riguarda invece la tassa sul trasferimento di proprietà, questa cambia da cantone a cantone: qualche cantone non la applica, altri cantoni arrivano ad imporre fino al 3,3%. Chiedi all’agenzia o al notaio in precedenza a quanto ammonta la tassa di trasferimento della proprietà, anche prima di fare la proposta di acquisto.

Ultima tassa da pagare sono le imposte di registrazione: sono intorno all’1% del valore dell’immobile, e anche in questo caso ci sono delle variazioni da cantone a cantone.

Comprare casa in Svizzera è molto costoso, ma stiamo pur sempre comprando una proprietà in un paese stabile, ricco e che ha un livello di tassazione estremamente basso rispetto a quanto ci troviamo ad affrontare in Italia. A conti fatti, potrebbe davvero convenire!

Abbiamo raccolto informazioni immobiliari su altre città o località molto interessanti:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here