Vendere Seconda Casa Prima dei 5 Anni: Cosa è Meglio Sapere!

vendere-seconda-casa-prima-dei-5-anni-tasse

Si può vendere la seconda casa prima dei 5 anni?

Una domanda specifica per la quale spesso si hanno molti dubbi visto che spesso si è maggiormente informati su temi che riguardano la prima casa.

Infatti nella vendita della prima casa prima dei 5 anni ci sono dei limiti ben precisi a livello normativo che vanno rispettati.

Per questo molti si chiedono se ci sono delle regole particolari da osservare anche per quanto riguarda il vendere la seconda casa prima dei 5 anni.

In questa guida abbiamo analizzato la situazione, per mettere in evidenza anche i possibili vantaggi e svantaggi.

Ma andiamo con ordine e scopriamo cosa succede, se intendiamo vendere la seconda casa prima dei 5 anni.

Cosa succede quando si vende la seconda casa prima dei 5 anni

Si può vendere la seconda casa prima dei 5 anni?

È questa la domanda a cui cerchiamo di rispondere, soprattutto in relazione alle eventuali agevolazioni di cui si è potuto usufruire dal punto di vista fiscale.

Nel caso della prima abitazione, se la vendita avviene prima dei 5 anni senza riacquisto, il soggetto va incontro ad una perdita delle agevolazioni che erano state previste per la prima casa.

Quindi, sempre nel caso della prima abitazione, l’imposta di registro passa dal 2% al 9%, se si tratta di un soggetto privato.

Nel caso di un costruttore, l’IVA passa dal 4% al 10%.

In aggiunta si ha anche il pagamento della sanzione, che corrisponde al 30% sulla differenza di imposta, e si devono considerare pure gli altri interessi.

Nella situazione in cui si realizza la vendita della seconda casa prima dei 5 anni, non ci sono particolari condizioni che si devono tenere presenti, perché lo Stato non ha previsto alcuna agevolazione per chi, possedendo una prima abitazione, decide di acquistarne un’altra da utilizzare come seconda casa.

A cosa prestare attenzione

Quando la seconda casa prima dei 5 anni è venduta ad un prezzo più alto, si crea un fenomeno di plusvalenza e il guadagno realizzato dal contribuente deve essere fatto presente nella dichiarazione dei redditi e a questo importo sarà applicata la relativa aliquota Irpef.

Nel momento in cui, invece, la seconda casa viene venduta allo stesso prezzo rispetto a quanto si è speso per acquistarla o ad un prezzo inferiore, non è previsto il pagamento di altre imposte.

Le imposte sulla plusvalenza non vengono pagate soltanto nel caso della vendita dimostrata dalla residenza, tramite la quale si mette in evidenza di aver vissuto più della metà del tempo in quel determinato immobile, in riferimento al periodo di possesso dell’immobile stesso.

Quanto pago di tasse se vendo la seconda casa?

Come avrai capito se vuoi vendere la seconda casa che è stata acquistata meno di 5 anni fa, la plusvalenza generata dalla sua cessione sarà inevitabilmente soggetta a tassazione.

Il guadagno ottenuto può essere tassato secondo due diverse modalità:

  • Tassazione ordinaria: il guadagno ottenuto compare nella dichiarazione dei redditi in “Redditi Diversi”
  • Tassazione separata: si basa sull’applicazione di imposta sostitutiva del 26%.

Naturalmente chi ha un reddito che supera i 15.000 euro pagherà un’aliquota più alta.

Per meglio comprendere segnaliamo questa tabella:

Scaglioni IrpefRedditoAliquota
1fino a 15 mila euro23%
2da 15 mila euro fino a 28 mila euro27%
3da 28 mila euro fino a 55 mila euro38%
4da 55 mila euro fino a 75 mila euro41%
5oltre 75 mila euro43%

Chi paga il notaio?

L’articolo 1475 del codice civile stabilisce che le spese di compravendita sono di chi acquista e non di chi vende a meno che non ci siano accordi differenti.

Naturalmente bisogna considerare che le spese relative all’acquisto di una seconda casa sono differenti rispetto alle spese notarili per l’acquisto della prima casa.

Puoi trovare tutte le informazioni qui.

Vantaggi

Ci sono particolari vantaggi nel vendere la seconda casa prima dei 5 anni?

In realtà c’è chi sfrutta questa situazione anche come investimento.

Mettiamo il caso, per esempio, che si decide di comprare una seconda casa che non si trova nelle condizioni ideali e che ha bisogno di interventi di ristrutturazione.

In questo caso puoi decidere di provvedere a realizzare gli interventi dovuti, per poi rivenderla ad un prezzo maggiore rispetto a quanto l’ha acquistata.

È chiaro che in questo modo creerai una plusvalenza, sulla quale sono applicate le relative imposte, ma è comunque un investimento, perché potrai guadagnare una bella cifra.

Quindi dal punto di vista degli investimenti conviene vendere una seconda casa, anche perché puoi metterla in vendita prima dei 5 anni.

Non devi, infatti, aspettare che passi un determinato periodo di tempo per realizzare i tuoi guadagni, perché non perderai alcuna agevolazione, che tra l’altro per legge non è prevista come avviene invece quando si compra la prima casa.

Svantaggi

Abbiamo parlato di vendere la seconda casa prima dei 5 anni come investimento.

Infatti la rapidità con cui può essere effettuata la messa in vendita, considerando che non si devono aspettare 5 anni, potrebbe essere sicuramente una buona strategia da applicare.

Come ti abbiamo spiegato già precedentemente, il guadagno maggiore lo ottieni rivendendo la casa, dopo averla ristrutturata, ad un prezzo maggiore rispetto a quello di acquisto.

Cerca, però, di valutare bene la situazione, perché con un guadagno maggiore dovrai pagare anche le imposte sulla plusvalenza.

Non è detto, quindi, che questo guadagno si realizzi in maniera perfetta, perché in certi casi il pagamento delle imposte potrebbe essere alto e quindi ti troveresti nella situazione di non aver concluso un buon affare.

Consigli

Se decidi di comprare una seconda casa e poi di rivenderla, pensando che farai un investimento eccezionale, ti consigliamo sempre di valutare caso per caso.

Infatti non è detto che il guadagno si possa sempre realizzare in maniera imprescindibile, senza considerare gli eventuali fattori che intervengono.

Dovresti valutare in ogni situazione sempre il valore dell’abitazione e quali sono le sue condizioni essenziali per comprendere fino in fondo quale potrebbe essere il guadagno che realizzerai.

In tutto questo considera naturalmente, come già abbiamo precisato, a quanto ammontano gli importi delle imposte sulla plusvalenza, che comunque devi sempre far presente nella dichiarazione dei redditi.

Se esse sono troppo alte, potrebbe essere più utile desistere dalla vendita e magari rivolgerti per esempio all’affitto della seconda casa.

Inoltre, se le condizioni iniziali sono quelle di grande mancanze, per riparare le quali dovresti mettere in conto grosse cifre, neanche in questo caso potresti fare un buon affare.

In ogni caso considera sempre il budget che hai a disposizione anche per gli eventuali interventi di ristrutturazione.

Guida su come vendere casa

Noi di Likecasa abbiamo preparato una guida su come vendere casa.

Si tratta di un contenuto molto utile che può offrirti tutte le opportunità per orientarti al meglio, nel caso in cui tu decida di mettere in vendita la tua abitazione, sia che si tratti di prima casa che di seconda.

Leggi la nostra guida su come vendere casa, per renderti conto di tutte le regole che devi tenere in considerazione, quando decidi di effettuare un’operazione di questo genere.

Molte volte è bene essere consapevoli in maniera preventiva, per non ritrovarsi ad affrontare spiacevoli sorprese che si possono presentare quando il processo di compravendita è già stato attivato.

Ti offriamo tutte le informazioni che stai cercando, per sapere come agire nel caso di una vendita immobiliare che ti riguarda direttamente!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here