Ristrutturare un appartamento quanto costa? LA GUIDA!

466
Ristrutturare un appartamento quanto costa esattamente

Per tutti gli immobili prima o poi arriva il momento di una ristrutturazione, piccola o grande che sia. Se anche per il tuo è tempo di una sistemata o di un restyling, ti starai chiedendo quanto costa ristrutturare un appartamento.

I lavori in casa comportano sempre una spesa consistente e possono nascondere varie incognite. Per questo prima di intervenire è normale ragionare su quali cifre si vada incontro.

Nella tua abitazione, dopo alcuni anni, è normale volere (o dovere) rifare pareti, pavimenti, impianti oppure una sola stanza come il bagno o la cucina.

Oppure se hai scelto di acquistare a buon mercato una vecchia casa come investimento immobiliare, potresti sistemarla e rimetterla sul mercato in vendita o in affitto.

In entrambi i casi ti serve avere ben chiaro sapere quanto andrai a spendere per i lavori.

La cifra da investire varia in base al professionista a cui ti rivolgi, le dimensioni dell’intervento, la posizione dell’immobile, i materiali che scegli e molti altri fattori. Pertanto prendi le cifre che andremo a stimare come una mappa per orientarti nel mondo della ristrutturazione casa.

Se i costi possono sembrarti inaccessibili, non abbandonare subito l’idea di fare qualche lavoretto. Fino alla fine dell’anno infatti restano in vigore i bonus casa 2018 e le detrazioni su ristrutturazioni e interventi domestici.

Ma senza sapere quanto costa ristrutturare un maxi o mini appartamento non potrai approfittarne. Continua a leggere allora!

Ristrutturare un appartamento quanto può costare?

È il momento di rimboccarsi le maniche e capire quanti soldi mettere da parte per sistemare il tuo appartamento.

La premessa iniziale è che le spese per un lavoro di ristrutturazione sono il risultato del costo dei materiali edilizi e della manodopera necessaria per svolgerlo.

Comincia facendo un’analisi ragionata degli interventi necessari pianificando con cura quali lavori fare e in che ordine.

Individua un professionista serio e preparato che ti aiuti a farlo. Una volta fatta la valutazione dello stato dell’immobile e degli interventi richiesti, risulterà molto più chiaro quanto costa ristrutturare un appartamento.

Non serve spendere un patrimonio quando decidi di ristrutturare: puoi sempre iniziare dando priorità alle operazioni più urgenti o che puoi permetterti al momento e rimandare il resto più avanti.

Se sei un po’ pratico di lavori manuali, potresti occuparti tu stesso di alcune faccende abbassando i costi delle operazioni. Se invece vuoi provare a risparmiare sui materiali, presta attenzione a non scendere a troppi compromessi rinunciando alla qualità o all’estetica.

quanto costa ristrutturare un mini appartamento

Quanto costa al mq ristrutturare un appartamento

Detto questo, vediamo quanto costa ristrutturare un appartamento per metro quadro. Come già accennato, questi sono costi medi dei più comuni lavori di ristrutturazione. A seconda del genere di intervento o della ricercatezza del lavoro i prezzi nella realtà possono poi discostarsi anche di molto.

Gli interventi complessi come la riorganizzazione degli spazi, la riqualificazione energetica o il restauro conservativo invece avranno costi precisi in base al tipo di immobile che hai di fronte ed il lavoro richiesto.

Demolizione e ricostruzione

Partiamo da interventi drastici come rompere i muri di casa e ricostruirli. Alcune aziende propongono la demolizione di pareti non portanti a un prezzo medio che varia da 15 ai 25 euro al metro quadro.

Altre invece includono nel costo di demolizione anche lo smaltimento delle macerie. In questo caso, il costo medo medio è di circa 40 euro al mq.

A questi si sommano poi le spese per la ricostruzione, diversa a seconda del materiale usato e dell’area di intervento. Realizzare mura in laterizio costa circa 40 euro al mq. Un po’ più caro il cartongesso, che si aggira attorno ai 50 euro a mq.

Pavimenti da ristrutturare

Il costo di una ristrutturazione pavimento tiene conto di due fattori: il materiale di rivestimento e la posa in opera.

Per il prezzo della posa, in genere le cifre si aggirano intorno ai 10 euro al mq. A fare la differenza invece è il materiale della pavimentazione: un rivestimento piastrellato o in gres porcellanato, per esempio, può costare intorno ai 20 euro al mq. Se invece preferisci un ambiente in parquet puoi arrivare a spendere anche 50 euro al mq.

Tinteggiare casa

Imbiancare un appartamento ha costi variabili a seconda della tecnica utilizzata, al costo della vernice e al professionista scelto. E naturalmente in base alle dimensioni della parete da tinteggiare.

Tieni anche conto che alcuni imbianchini fissano il compenso in base ai metri quadri da tinteggiare, altri invece in base alle ore lavorate.

Per una casa intera di circa 100 mq potrebbero servire 800 euro per un lavoro base, ma anche 2.500 euro e oltre per tecniche più sofisticate, vernici costose o manodopera più difficoltosa.

Infissi e porte

Acquisto e montaggio di una porta partono da 150 euro, mentre per i portoni blindati dovrai spendere almeno un migliaio di euro.

Infissi e finestre, invece, hanno un prezzo medio di 200 euro, con una spesa più importante nel caso di una porta-finestra (con un costo minimo di 700 euro).

In genere, pvc e alluminio hanno costi simili mentre il legno comporta un investimento maggiore.

Sanitari

L’installazione e la spesa per acquistare sanitari nuovi è di circa 2.000 euro. Lavabo, vasca da bagno, wc e bidet hanno un valore medio intorno ai 1.000 euro, a cui si aggiungono la rubinetteria (calcolata a parte 300 euro) e il prezzo della posa (circa 500 euro).

Impianti di casa

Il costo di una ristrutturazione dell’impianto elettrico si assesta attorno ai 2.500 euro per 100 mq. Per un impianto idraulico nuovo, invece, la cifra stimata è di circa 6000 euro per 100 mq.

Rifare un impianto del gas costa circa 600 euro più il costo della caldaia (tra i 1000 ed i 2.500 euro) e altri 250 euro ogni punto termico.

Per il condizionamento, infine, i costi variano dai 300 ai 2.000 euro a seconda che si scelga un climatizzatore semplice o un vero e proprio impianto domestico.

Ovviamente, il preventivo varia a seconda del lavoro che i tuoi impianti richiedono. Queste cifre fanno riferimento ad impianti nuovi di zecca; senz’altro per manutenzioni più semplici la spesa sarà più contenuta.

Quanto costa ristrutturare un appartamento di 100 mq

Proviamo a scendere più nel concreto aiutandoci con un esempio di ristrutturazione casa. Ipotizziamo di possedere o avere appena acquistato un immobile di 100 metri quadri che necessita di una bella sistemata.

Assumiamo per completezza che ci sia molto da fare: buttare giù metà delle pareti e ricostruirle, ritinteggiare, rifare i pavimenti completamente, cambiare cinque infissi, sistemare il bagno e montare una porta blindata. Se le nostre finanze ce lo permettono, inoltre, sarebbe il momento migliore anche per rinnovare gli impianti.

In base ai prezzi stimati finora, vediamo allora quanto dovresti spendere per ristrutturare completamente la casa:

  • Abbattimento di 50 metri quadri di parete (e smaltimento macerie): 2.000 euro;
  • Ricostruzione in laterizio: 2.000 euro circa;
  • Tinteggiatura: 1.650 euro circa (costo medio di una buona tinteggiatura);
  • Posa e rivestimento pavimenti piastrellato: 3.000 euro circa (1.000 + 2.000);
  • Sostituzione cinque infissi: 1.000 euro circa;
  • Porta blindata: 1.000 euro circa;
  • Sanitari bagno nuovi: 2.000 euro circa;
  • Impianto elettrico: 2.500 euro circa;
  • Impianto idraulico: 6.000 circa;
  • Riscaldamento: 2350 euro circa (600 + 1.750).

Il restauro di questo appartamento di 100 mq costerebbe quindi 23.500 euro. Questo è un semplice esercizio che puoi fare per sapere quanto costa ristrutturare un appartamento. Puoi ripetere il conteggio pensando al tuo immobile e agli interventi che ti servono.

Considerando la quantità di interventi fatti la cifra non è proibitiva. Tuttavia la stima non tiene conto di fattori importanti: posizione, valore immobiliare, materiali della ristrutturazione e ricercatezza dell’intervento.

Quanto costa ristrutturare un appartamento a Roma

Uno degli elementi che incide sui costi della ristrutturazione casa è proprio la posizione dell’immobile. Ciò va inteso sia come quartiere cittadino in cui il tuo appartamento è dislocato (centro storico, periferia, zona residenziale, ecc.) sia come posizione geografica (la città in cui possiedi casa).

Vediamo l’esempio di Roma. Nella capitale il costo di una ristrutturazione base va dai 280 ai 500 euro al mq. Per sistemare un appartamento di 100 mq nell’area capitolina servono quindi circa 39.000 euro.

Questa stima fa riferimento ad una zona residenziale: da qui il prezzo può fluttuare anche di molto. Infatti, a parità di interventi, sarà più oneroso in appartamenti di zone centrali o di alto pregio, mentre sarà più economico in zone periferiche.

Se poi vuoi ristrutturare casa con particolari accorgimenti di pregio, il prezzo per ristrutturare un appartamento di 100 metri quadri a Roma può costare anche da 120.000 a 150.000 euro.

A Roma inoltre i costi per imbiancare un metro quadro sono i più alti d’Italia. Richiedi magari più preventivi e scegli non solo sull’importo ma anche sulla serietà dell’azienda e il valore dell’intervento.

Detrazioni e bonus ristrutturazioni casa 2018

Ristrutturare un appartamento può essere conveniente dal punto di vista fiscale grazie al bonus ristrutturazioni in vigore ancora per tutto il 2018.

L’agevolazione prevede una detrazione Irpef pari al 50% della spesa sostenuta entro i limiti di 96.000 euro di spesa.

La detrazione maggiorata tornerà nella misura originaria nel 2019. A quel punto sarà pari al 36% e fino a 46.000 euro di spesa, anche se non si escludono future proroghe.

Il vantaggio fiscale è valido sia per condomini sia per edifici privati.

Per gli appartamenti di proprietà tuttavia il bonus non è riconosciuto per interventi di manutenzione ordinaria, come ad esempio una ritinteggiatura.

Per i condomini invece la detrazione spetta anche per interventi ordinari, ma solo per parti comuni: rientrano nel bonus la ristrutturazione di ascensori, recinzioni, scale o rampe.

La Legge di Bilancio 2018 ha inoltre previsto anche il bonus verde, cioè la detrazione del 36% su spese green (come la sistemazione di giardini e terrazzi) fino a un massimo di 5.000 euro.

Riguardo le detrazioni ti consigliamo di approfondire tramite la nostra guida:Detrazione ristrutturazione: di cosa si tratta e come funziona

Ti ricordiamo che puoi scegliere l’articolo che preferisci visitando la nostra pagina totalmente dedicata alla RISTRUTTURAZIONE!

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here