Quanto Costa Mantenere una Casa di Proprietà? L’Elenco Completo di Tutte le Spese!

quanto-costa-mentenere-una-casa

Non sono pochi coloro che si chiedono quanto costa mantenere una casa di proprietà.

Del resto quando si compra casa i primi dubbi e le prime domande sono tutte rivolte al costo della casa e alle varie procedure da seguire affinchè la compravendita dell’immobile avvenga in maniera regolare e senza errori.

Ma poi ecco che iniziano i primi dubbi e le prime domande sulle spese legate alla gestione quotidiana o periodica dell’immobile.

Con questa guida risponderemo a molti dei tuoi interrogativi.

Sei pronto?

INIZIAMO!

Quali sono i costi periodici per la gestione della tua casa?

Partiamo indicandoti quali sono i costi di gestione legati ad una casa e che bisogna conoscere e non sottovalutare quando si sta per comprare casa.

I costi da prendere in considerazione sono:

  • Mutuo
  • Imu
  • Spese condominiali
  • Utenze
  • Eventuali spese straordinarie

Esaminiamo adesso uno per uno le spese che sono legate alla gestione di una casa.

La rata del mutuo

Quando si vuole comprare un immobile nella maggior parte dei casi si ha la necessità di richiedere un mutuo.

La rata del mutuo si caratterizza per l’importo che interessa il capitale da restituire e gli interessi annessi che sono detraibili al 19 %.

  • Le spese legate al mutuo che devi prendere in considerazione sono:
  • Imposte dello 0.25% per la prima casa
  • Imposte del 2% per la seconda casa
  • Eventuale o possibile estinzione del mutuo
  • Alcune spese legate al mutuo come l’invio di comunicazioni

Costi per il passaggio di proprietà

Naturalmente quando si compra casa ci sono i costi da sostenere per il passaggio di proprietà.

Alcuni costi riguardo l’onorario del notaio oppure le imposte dovute per il trasferimento dell’immobile.

Quando si compra da un privato bisogna versare l’imposta di registro al 2% e imposta catastale e ipotecaria (50 euro cadauna)

Nel caso in cui si acquisti da una società di costruzione è necessario sostenere alcune spese come il 4% dell’Iva e imposta catastale (200 euro) e imposta di registro (200 euro)

IMU

Tra le tasse periodiche sull’abitazione non si può sicuramente non considerare l’imposta annuale legata al possesso dell’immobile ossia l’IMU.

E’ prevista l’esenzione dell’IMU pe rle prime case, mentre per le seconde case sarà necessario versare  un’aliquota dello 0.86%.

Attenzione ti ricordiamo che si paga l’Imu anche nel caso di prima casa se l’immobile appartiene ad una di queste categorie: A1 A8 A9.

Spese Condominiali

Le spese condominiali sono spese mensili ripartite secondo i millesimi dell’appartamento.

Le tabelle millesimali tracciano e considerano alcuni parametri come il numero di vani, la grandezza dell’immobile e le superfici che costituiscono l’appartamento.

Essere ben informati sulle spese condominiali sin da subito è fondamentale per non andare incontro a brutte sorprese.

Spese straordinarie

Non sono da sottovalutare.

Generalmente interessano soprattutto i condomini che spesso richiedono interventi più o meno importanti.

A seconda dell’intervento la spesa può essere più o meno elevata.

La ripartizione delle spese straordinarie avviene tramite le tabelle millesimali.

Le utenze

Le utenze sono tutte le spese legate alla gestione della casa o dell’appartamento come ad esempio il riscaldamento, il gas e la luce.

Scegliere il gestore delle utenze in maniera corretta è dunque importante in quanto si favorisce un certo risparmio.

I nostri consigli

Dopo averti indicato quanto costa mantenere una casa di proprietà spiegandoti quali sono le spese ad essa collegati vogliamo fornirti ancora un ultimo consiglio.

In questo caso può risultare molto utile preparare un file di excel che ti permetta di tenere sotto controllo le spese collegate alla tua casa di proprietà.

Ti indichiamo qui di seguito un esempio pratico che potrebbe esserti molto utile!

mantenere-una-casa-di-proprietà-quanto-costa

Quanto costa mantenere una casa di proprietà?

Non si può rispondere in maniera precisa a questa domanda. Le variabili che entrano in gioco sono molte.

Dobbiamo però mettere in evidenza che mantenere una casa al nord Italia costa di più rispetto al Sud.

Ad esempio, generalmente le spese condominiali e straordinarie risultano essere più onerose nel Nord Italia.

Inoltre in molte città del nord d’Italia i costi del riscaldamento sono abbastanza elevati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here