Come Fare Testamento Senza Notaio: I 3 Requisiti Fondamentali che Rendono Valido un Testamento! Come si Conserva, Pro e Contro!


come-fare_testamento_olografo

Come fare testamento?

È una domanda che spesso ci si pone, anche se a volte si tende a rimandare, anche per scaramanzia.

In realtà il testamento è un documento molto importante in diverse situazioni per il quale è necessario informarsi molto bene.

Cominciamo subito fornirti le informazioni che devi assolutamente sapere partendo dall’inizio e facendo chiarezza!

Sei pronto?

INIZIAMO!

Che cos’è il testamento e perchè farlo

Il testamento è un atto fondamentale soprattutto se hai a disposizione un patrimonio piuttosto grande che devi suddividere.

Ma si rivela essenziale anche quando vivi in una situazione dal punto di vista familiare che potrebbe evolversi in litigi tra i possibili eredi.

Fare testamento, quindi, potrebbe essere la scelta più adeguata in diverse situazioni, anche per evitare di creare delle situazioni spiacevoli che potrebbero finire con lunghissime cause civili.

Ma come fare testamento e come conservare questo documento, anche se preferisci non rivolgerti ad un notaio?

In questa guida scopriremo proprio come redigere un testamento olografo, quali sono i vantaggi e gli svantaggi e come conservare questo importante documento.

Continua a leggere!

Come fare un testamento olografo: 3 requisiti fondamentali

Come fare un testamento valido?

Sono tre i requisiti che le norme stabiliscono in merito al testamento olografo, quello ciò scritto a mano dal testatore.

Questi 3 requisiti rendono valido il testamento e sono:

  • olografia;
  • datazione;
  • sottoscrizione.

1. L’olografia

Il primo requisito per sapere come fare testamento olografo è proprio quello che indica che un testamento di questo tipo deve essere scritto a mano, con una grafia perfettamente leggibile e chiara in tutti i suoi aspetti.

Questo testamento non deve essere scritto da terze persone e non può essere scritto nemmeno sotto dettatura.

Allo stesso modo è necessario che il testo sia scritto a mano e che non vengano utilizzati un computer o una macchina da scrivere.

Si può scrivere in stampatello e il testo può avere anche la forma di una lettera.

È essenziale comunque che vengano indicate le volontà di colui che lo scrive.

2. La datazione

Per quanto riguarda la datazione, è essenziale che nel testamento olografo siano riportati il giorno, il mese e l’anno in riferimento al momento della compilazione.

La data può essere inserita all’inizio o alla fine del testo e deve corrispondere sempre alla realtà.

Non è possibile inserire date evidentemente false, ma si possono inserire diciture come “il giorno di Natale del 2020”.

3. La sottoscrizione

Parliamo poi della sottoscrizione: il documento deve essere firmato alla fine del testo.

Si deve trattare ovviamente di una firma leggibile, che possa identificare l’autore del testamento.

Se il documento è composto da più pagine, è opportuno inserire la firma in tutte le pagine del testamento.

Esempio di testamento olografo

Come fare testamento quindi?

Quella che abbiamo descritto è la forma più semplice di testamento ed è anche la più economica, perché non sarà necessario rivolgersi ad un notaio per la compilazione del documento.

Possiamo a questo proposito fare qualche esempio di testamento olografo.

Fac simile testamento olografo

Ad esempio è possibile scrivere un testamento olografo con questa dicitura:

Io sottoscritto, Marco _________, lascio la mia casa a Roma a mio nipote Fabio _________ e nomino erede di tutti gli altri beni in mio possesso mio fratello Luigi _________.

Napoli, 13 settembre 2020

Firma _________

Testamento olografo esempio particolare

Oppure possiamo individuare un altro caso, quello in cui colui che redige il testamento decide di lasciare tutto ad una fondazione che si occupa di ricerca scientifica.

Io sottoscritto Mario _________, nato a _________ il _________, lascio i beni in mio possesso alla Fondazione _________ per la creazione di borse di studio specifiche per la ricerca su _________.

Napoli, 10 febbraio 2020

Firma _________

In questa situazione Mario lascia tutti i suoi beni ad una fondazione, con l’obiettivo di destinare i fondi alla ricerca con la messa a punto di borse di studio relative ad uno specifico settore.

Ovviamente la fondazione che riceve l’eredità non può destinare i beni ricevuti ad altri ambiti, ma deve attenersi alle disposizioni di colui che ha scritto il documento.

È bene ricordare in ogni caso che questi esempi, per costituire un testamento olografo valido, devono essere scritti a mano e non possono essere stampati a partire da un computer.

Come fare un testamento senza notaio

Come fare un testamento senza notaio, quindi?

Senza dubbio devi tenere in considerazione i requisiti di cui ti abbiamo parlato in precedenza.

La scrittura di un testamento valido è un’operazione molto semplice, ma bisogna sempre tenere in considerazione i requisiti stabiliti dalla legge.

Ricapitolando, si tratta della scrittura autografa, che può essere effettuata con qualsiasi strumento (una penna, ma anche un pennarello colorato) e su qualsiasi materiale (la carta, ma anche la stoffa o il legno).

Il testamento olografo senza notaio può essere scritto anche in una lingua morta, come il latino, purché si tratta di una lingua conosciuta dall’autore.

Poi c’è il requisito della data, che deve indicare il momento specifico nel quale è stato realizzato il documento.

Infine c’è la sottoscrizione, che ha l’obiettivo di identificare l’autore con certezza.

In questo caso sono ammessi anche eventuali pseudonimi o delle forme specifiche (pensiamo ad esempio ad una lettera indirizzata ad un figlio nella quale possiamo trovare l’indicazione “tuo padre”).

Come si conserva un testamento

Dopo aver visto come fare testamento, andiamo adesso ad analizzare come conservare un testamento olografo in seguito alla scrittura.

Sono a tua disposizione diverse possibilità a questo proposito.

Conserva il documento a casa

Puoi ad esempio scegliere di conservare il documento in un luogo sicuro nella tua casa, ma dovresti avvisare una persona di fiducia sul luogo in cui lo conservi, perché possa intervenire quando sarà il momento.

In seguito alla morte di colui che ha redatto il documento, infatti, il testamento deve essere sottoposto alla pubblicazione e sarà necessario che una persona lo porti dal notaio.

Consegna il documento ai beneficiari

Un’altra possibilità è quella che consiste nel consegnare il documento ai beneficiari.

Naturalmente l’atto deve essere consegnato a tutti i beneficiari che sono stati indicati e sarà necessario scrivere diverse copie del documento, evitando assolutamente di fare delle fotocopie.

Affida il testamento ad un notaio

Infine c’è la possibilità di affidare il documento olografo ad un notaio, che avrà il compito di conservarlo nel suo studio.

In questa situazione si può parlare di testamento segreto.

Il documento deve essere consegnato in un plico sigillato alla presenza di due testimoni e il notaio avrà il compito di produrre un verbale di ricevimento, che sarà datato e sottoscritto anche dal testatore e dai testimoni.

Il notaio, alla morte del testatore, aprirà il documento e contatterà gli eredi.

Vantaggi e svantaggi del testamento olografo

Il testamento olografo può fornire diversi vantaggi a chi lo realizza.

Innanzitutto è un documento che può essere scritto in modo molto semplice, in qualsiasi luogo e utilizzando qualsiasi supporto, senza la necessità di coinvolgere altre persone, come i testimoni o un notaio.

È un documento riservato, che può essere tenuto nascosto, e risulta sicuramente economico, visto che non si ha la necessità di pagare per il servizio di un notaio.

Non devi dimenticare però che un documento redatto con queste caratteristiche potrebbe presentare anche degli svantaggi.

Infatti potrebbe essere distrutto o smarrito in modo semplice oppure potrebbe essere sottratto.

A queste situazioni si può comunque cercare di rimediare, ad esempio consegnando appunto ad un notaio il documento.

La guida sulla successione ereditaria

In questa guida ti abbiamo fornito informazioni fondamentali sul testamento oleografo.

Adesso sicuramente hai le idee più chiare.

Noi di Likecasa pensiamo che l’informazione nel campo immobiliare sia fondamentale.

Chi è ben informato non commette errori, non perde tempo e non andrà incontro a spiacevoli sorprese.

Se hai cercato informazioni sul testamento ti consigliamo di leggere anche questa guida che abbiamo preparato: Successione Ereditaria: Quote, Costi, Tempi, Sanzioni! Cosa Succede con la Comunione dei Beni?