Modello RLI editabile: che cos’è, a cosa serve, come si compila!

325
Modello RLI editabile gratis

Il modello RLI editabile  o modello RLI compilabile serve per mettere a punto la registrazione di un contratto di affitto presso l’Agenzia delle Entrate.

Sono molte le funzioni che possono essere soddisfatte tramite l’utilizzo del modello RLI editabile.

Infatti questo documento, che è entrato in vigore a partire dal 2014, serve a gestire tutte quelle operazioni da comunicare all’Agenzia delle Entrate e che riguardano i contratti di locazione.

Proprio il modello RLI è molto utile per richiedere la cedolare secca o per revocarla, quindi per usufruire del regime fiscale agevolato, che permette di risparmiare sulle imposte da pagare relativamente all’affitto di un’abitazione.

Inoltre col modello RLI editabile dell’Agenzia delle Entrate si possono comunicare i dati catastali dell’immobile che viene affittato.

Ma come si compila il modello RLI editabile e stampabile?

È possibile utilizzare il modello RLI editabile in Word oppure si deve ricorrere necessariamente al modello RLI editabile in PDF?

Vediamo di saperne di più sul modello editabile RLI.

Le istruzioni per la compilazione

Istruzioni modello RLI? Eccole! Ci siamo!

Vediamo adesso per il modello RLI editabile le istruzioni per la sua compilazione.

Il modello RLI editabile gratuito si può scaricare direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Si tratta proprio del modello RLI dell’Agenzia delle Entrate editabile, il modello RLI editabile e salvabile.

Ecco le istruzioni per il modello RLI editabile compilabile.

Istruzioni Modello RLI: Guida al Quadro A del modello

Sezione I, II e III del modello RLI editabile salvabile: indicare i dati generali del contratto di locazione, in particolare il pagamento dell’intera durata, gli eventi eccezionali e i casi particolari che riguardano le clausole contrattuali.

Per la sezione I si deve scegliere fra i codici:

  • L1 – locazione di immobile ad uso abitativo con imposta di registro del 2%;
  • L2 – locazione agevolata con imposta di registro del 2% del 70% del canone;
  • L3 – locazione di immobile con contratto assoggettato al pagamento dell’Iva;
  • L4 – locazione finanziaria di immobile con imposta di registro di 200 euro;
  • S1 – locazione con uso diverso da quello abitativo;
  • S2 – locazione di immobile strumentale con locatore soggetto ad Iva (imposta dell’1%);
  • S3 – locazione finanziaria di immobile con uso diverso dall’abitativo;
  • T1 – locazione di fondo rustico;
  • T2 – locazione di fondo rustico con agevolazione;
  • T3 – locazione di terreni ed aree non edificabili;
  • T4 – affitto di terreni edificabili o non edificabili che sono destinati a parcheggio.

Nel quadro A vanno indicati il numero delle pagine da cui è composto il contratto di locazione, l’importo del canone, il codice fiscale del garante (se quest’ultimo è previsto), l’eventuale tipo di garanzia.

È possibile allegare anche altri documenti, come scritture private, inventari, planimetrie.

Si deve compilare la casella esenzioni soltanto se il contratto è esente da bollo o da imposta di registro.

La casella non va barrata se le imposte sono sostituite dalla cedolare secca.

Nella sezione II nello specifico, che riguarda l’adempimento successivo al modello RLI, si devono indicare gli eventuali adempimenti successivi previsti dopo la registrazione del contratto, come la cedolare secca, la comunicazione dei dati catastali oppure subentro, decesso, trasferimento immobiliare, trasformazione o fusione.

Nella sezione III va riportata la firma del locatore o del conduttore per attestare che tutti i dati riportati nel modulo siano uguali a quelli dichiarati nel contratto di locazione.

Istruzioni Modello RLI: Guida al Quadro B del modello

Il quadro B del modello RLI editabile on line riguarda nella sezione I i dati del locatore, il proprietario dell’immobile.

La sezione II riguarda i dati del conduttore.

Sia nell’uno che nell’altro caso si devono indicare il numero delle persone, il codice fiscale e il Comune di nascita.

Il locatore o il conduttore possono essere anche una società o un ente.

Istruzioni Modello RLI: Guida al Quadro C del modello

Il quadro C riguarda i dati dell’immobile.

Queste informazioni vanno desunte dalla documentazione catastale.

Per ciascun rigo va indicato il numero di ordine progressivo.

Se si tratta di prima abitazione, bisogna indicare subito dopo le pertinenze.

I codici utilizzati sono i seguenti:

  • 1 per indicare l’immobile principale;
  • 2 per indicare la pertinenza oggetto di locazione insieme all’immobile principale;
  • 3 per indicare la pertinenza oggetto di locazione in maniera separata rispetto all’immobile principale.

Si indica poi il codice Comune, specificando T/U per terreni e urbano, T per immobile censito nel catasto terreni, U per immobile censito nel catasto edilizio urbano, I/P per indicare con la lettera l’intero immobile o la porzione.

Poi bisogna compilare la casella particella riportando il numero trovato nel documento catastale.

Infine bisogna indicare il Comune e la Provincia e riportare nella casella categoria catastale la categoria dell’immobile insieme alla rendita catastale.

Le ultime informazioni riguardano l’indirizzo e il numero civico dell’immobile.

Istruzioni Modello RLI: Guida al Quadro D del modello

Il quadro D riguarda la registrazione di un immobile ad uso abitativo locato.

In questo quadro si deve barrare la casella SÌ o NO per aderire o non aderire al regime opzionale della cedolare secca.

Come trasmettere il modello

Per trasmettere all’Agenzia delle Entrate il modello RLI editabile si hanno due possibilità.

La prima consiste nel presentarsi fisicamente presso lo sportello dell’Agenzia delle Entrate e portare il modello in forma cartacea.

La seconda è rappresentata dalla trasmissione in modalità telematica.

A questo scopo si può utilizzare il software gratuito Modello-RLI Web che puoi trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per la registrazione cartacea devi portare anche il modello F24 Elide che dimostri il pagamento dell’imposta di registro, le copie del contratto, oltre naturalmente al modello RLI in formato cartaceo.

Per la trasmissione telematica, il software online crea il contratto di locazione.

Basta indicare i dati del locatore, dell’inquilino, dell’immobile, il canone di locazione e la durata del contratto.

Poi si devono inserire i dati che riguardano il conto corrente bancario o postale, in modo che possano essere addebitate l’imposta di registro e di bollo.

Sempre utilizzando il software online è possibile procedere ai rinnovi annuali dell’imposta di registro, procedere con le proroghe del contratto oppure comunicare la risoluzione del rapporto di locazione.

È possibile inviare il modello RLI anche tramite un intermediario che sia abilitato a questa funzione.

Sicuramente la trasmissione in modalità telematica permette di risparmiare tempo e di facilitare l’accesso alla registrazione obbligatoria del contratto di locazione presso l’Agenzia delle Entrate, con notevoli vantaggi per il contribuente che deve provvedere alla comunicazione.

Inoltre il modello RLI è un modello salvabile e compilabile pertanto potrai anche salvarlo tra i tuoi documenti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here