Guida pratica alla locazione

F24 Elide:tutte le istruzioni!

415
f24 elide

Il modello F24 Elide si usa per versare le imposte di locazione nel caso in cui affittiamo un immobile.

In particolare l’F24 Elide si usa per versare all’Agenzia delle Entrate l’imposta di registro, i tributi speciali, l’imposta di bollo e le eventuali sanzioni con relativi interessi (anche in caso di ravvedimento con F24 Elide), sempre per quanto riguarda la materia dei contratti di locazione.

Ma come compilare il modello F24 Elide?

Quali sono i codici tributo F24 Elide per la registrazione di un contratto di locazione presso l’Agenzia delle Entrate competente per territorio? Vediamo di saperne di più.

F24 Elide istruzioni

Istruzioni modello f24 elide? Sei sulla pagina giusta. In questo articolo infatti ti indichiamo tutte istruzioni per l’F24 Elide di modo tale che tu possa evitare di compiere errori.

Ecco come compilare l’F24 Elide. Sei pronto? INIZIAMO! Segui le nostre istruzioni alla lettera!

Partiamo con ordine!

Prima di questo modello esisteva il modello 69, poi è stato sostituito con questo nuovo modulo, che ha differenti funzioni. Il contribuente per compilarlo deve indicare i seguenti dati:

  • il codice dell’ufficio destinatario del pagamento. A questo scopo va utilizzato lo spazio che porta il titolo “codice ufficio”;
  • il codice dell’atto a cui si riferisce il pagamento, che va inserito nello spazio “codice atto”;
  • la tipologia di versamento, che va specificata anche con elementi identificativi attraverso l’utilizzo di codici.

In particolare i codici che vengono utilizzati per la registrazione dei contratti di locazione sono i seguenti:

  • 1500 per l’imposta di registro nel caso di prima registrazione;
  • 1501 per l’imposta di registro prevista per le annualità successive alla prima;
  • 1502 per l’imposta di registro sulle cessioni del contratto;
  • 1503 per l’imposta di registro in caso di risoluzione del contratto di locazione;
  • 1504 per l’imposta di registro in caso di proroga del contratto di affitto;
  • 1505 per pagare l’imposta di bollo;
  • 1506 per versare i tributi speciali e i compensi;
  • 1507 per le sanzioni da ravvedimento in caso di registrazione tardiva del contratto di locazione;
  • 1508 per pagare gli interessi previsti in caso di ravvedimento;
  • 1509 per le sanzioni da ravvedimento a causa di un tardivo versamento delle imposte relative alle varie annualità;
  • 1510 per interessi da ravvedimento in caso di versamento tardivo delle diverse annualità;
  • A135 per l’imposta di registro, per avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A136 per l’imposta di bollo con avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A137 per le sanzioni con avviso di liquidazione dell’imposta;
  • A138 per gli interessi con avviso di liquidazione dell’imposta.
Ecco, quindi, l’F24 Elide come si compila: inserire nella sezione contribuente il codice fiscale di una delle parti fra cui è stato stabilito l’accordo di locazione, i dati anagrafici della parte che effettua il pagamento, eventualmente il domicilio fiscale e poi il codice fiscale del coobbligato, cioè l’erede o il tutore, specificando anche l’apposito codice identificativo.

In questo campo può essere inserito anche il codice fiscale dell’altra parte del contratto di locazione, scrivendo il codice identificativo 63.

Un altro elemento da inserire è il codice ufficio, che deve riportare quello che riguarda l’ufficio destinatario.

Possiamo trovare questo codice sul contratto di locazione, infatti il codice viene rilasciato al momento della registrazione del contratto.

Da ciò si deduce che nel caso della prima registrazione questo campo non deve essere compilato.

Poi sul modello F24 Elide troviamo il campo codice atto: qui bisogna inserire il codice dell’atto a cui si riferisce il pagamento.

Nel campo “tipo” deve essere indicata la tipologia di versamento a cui facciamo riferimento.

Per i contratti di locazione si deve scrivere la lettera F.

Infine troviamo il campo “elementi identificativi”. Quest’ultimo non deve essere compilato nel caso della prima registrazione del contratto di locazione.

Per tutte le annualità successive, ma anche in caso di cessione, di risoluzione o di proroga del contratto, si deve compilare indicando il codice identificativo del contratto stesso.

Questo codice identificativo è composto da 16 caratteri, secondo il seguente schema:

  • da 1 a 3 si riporta il codice ufficio nel quale è stato registrato il contratto di locazione;
  • da 4 a 5 le ultime due cifre dell’anno di registrazione;
  • da 6 a 7 è indicata la serie di registrazione;
  • da 8 a 13 il numero di registrazione;
  • da 14 a 16 è possibile inserire l’eventuale sotto numero di registrazione.

Troviamo anche l’area “anno di riferimento”. Nelle situazioni di prima registrazione del contratto di locazione, va indicato l’anno della stipula dell’accordo.

Per i pagamenti delle successive annualità, deve essere indicato l’anno di scadenza.

Infine nel campo “importi a debito versati” devono essere specificati gli importi da versare, utilizzando ogni singolo rigo per ogni codice tributo relativo ad un versamento.

Chi deve utilizzare il modello F24 Elide

Il mod F24 Elide editabile deve essere utilizzato obbligatoriamente dai contribuenti con partita Iva, che devono fare riferimento al canale telematico dell’Agenzia delle Entrate.

I contribuenti in questo caso possono rivolgersi anche all’operato di intermediari che sono abilitati alla trasmissione telematica del modulo.

Quei contribuenti che invece non hanno partita Iva hanno due possibilità: possono utilizzare i canali telematici oppure presentare il modello in forma cartacea presso gli sportelli dell’ufficio competente.

F24 Elide editabile ed F24 Elide compilabile

L’Agenzia delle Entrate, attraverso il suo sito ufficiale, Entratel o Fisconline, mette a disposizione dei software specifici per la compilazione e l’invio del modello F24 Elide.

Naturalmente utilizzando l’F24 Elide compilabile online possiamo usufruire del vantaggio di compilare tutti i campi direttamente su internet ed evitiamo di compilarli a mano.

Questo elemento, che sembra banale, può essere molto significativo ed utile, perché evitiamo il rischio di eventuali errori di copiatura.

Il modello F24 Elide è davvero molto importante, perchè ha sostituito anche il modulo F23 per il pagamento di tutte quelle tasse che riguardano i contratti di locazione, sia che essi siano stati stabiliti per uso abitativo che per uso commerciale.

Utilizzando questo modello, le autorità competenti hanno l’opportunità di identificare in maniera molto veloce il contratto di locazione per cui abbiamo effettuato il pagamento.

Infatti ogni modulo riporta il codice identificativo dello stesso contratto.

Attraverso questo codice l’Agenzia delle Entrate può effettuare automaticamente il collegamento tra il contratto di locazione e i versamenti effettuati da parte del contribuente.

Con la sua suddivisione in due principali sezioni (quella per il contribuente e quella per l’erario), questo modello si presenta facile da compilare e da ricordare.

È davvero molto pratico e può essere utilizzato per numerose funzioni.

Anche nel caso di un contratto di locazione che riguarda la prima abitazione, la casa vacanze, i negozi, i capannoni si deve utilizzare il modello F24 Elide per effettuare i versamenti relativi all’imposta da pagare per questi contratti di affitto.

Con il modello F24 Elide editabile e compilabile, tra l’altro, i contribuenti possono salvarlo in PDF.

Basta compilare sul proprio PC le sezioni che interessano, modificando i relativi campi e salvando i dati sul computer.

Infine questo modello si può anche stampare.

Ricordiamo anche che, per effettuare il pagamento online attraverso i servizi telematici, i contribuenti devono essere registrati presso l’area telematica dell’Agenzia delle Entrate, devono essere in possesso delle credenziali di accesso per Fisconline o per Entratel e devono essere titolari di un conto corrente aperto nelle banche che sono convenzionate con l’Agenzia delle Entrate.

Il modello F24 per i contribuenti senza partita IVA può essere presentato anche presso la banca o le Poste Italiane per l’effettuazione dei versamenti che possono riguardare l’imposta di registro, i tributi speciali, l’imposta di bollo, i compensi, le sanzioni e gli interessi.

Non perderti questi articoli:

Oppure scegli l’articolo che ti interessa di più visitando la pagina dedicata all’Affitto e alla locazione: CLICCA QUI!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here