Modello 69 per La Compravendita Immobiliare: Che Cos’è, A Cosa Serve, Come si Compila, Tempi!

modello-69- istruzioni

Il modello 69 è uno di quei documenti fondamentali che si devono predisporre nel momento in cui si effettua la compravendita di una casa.

Per comprare o vendere casa ci sono infatti alcuni obblighi burocratici, che bisogna portare avanti per assicurare che il processo avvenga rispettando pienamente le regole.

Sicuramente, anche se molti non conoscono il modello 69, chi si è trovato a dover acquistare o vendere un immobile avrà avuto occasione di confrontarsi con questo documento.

Potrebbe sembrare un documento molto complicato da compilare.

Tuttavia la compilazione del modello 69 si presenta come qualcosa di schematico e non obbedisce a criteri di complessità.

In questa guida ti spieghiamo che cos’è il modello 69 compilabile e ti forniamo le indicazioni più importanti su come utilizzarlo.

Se vuoi saperne di più, non perdere altro tempo e passa subito a leggere i dettagli che ti proponiamo.

Modello 69: che cos’è

Come abbiamo già anticipato, il modello 69 editabile è un documento fra quelli che si devono predisporre per l’acquisto o la vendita di un immobile.

Questo modulo viene utilizzato soprattutto nel momento in cui bisogna registrare il preliminare di compravendita.

Tuttavia è possibile utilizzarlo per registrare diversi tipi di atti.

A partire dal 10 gennaio 2014 il modello 69 non è più utilizzabile per registrare contratti di locazione.

Invece adesso si usa per questo fine il modello RLI.

A cosa serve

Il modello 69 è, in generale, un modulo che viene usato per registrare atti e contratti presso l’Agenzia delle Entrate.

Quindi come abbiamo detto, nel settore degli immobili, si utilizza sia per il comodato d’uso che per la compravendita.

Abbiamo specificato che non serve più per la registrazione dei contratti di affitto.

Quindi non è più utilizzabile nemmeno per la riduzione del canone di locazione con il modello 69.

Infatti anche per la rinegoziazione del canone di locazione si deve usare obbligatoriamente il modello RLI.

Dove e come presentarlo

Il modello 69 all’Agenzia delle Entrate: è proprio allo sportello dell’Agenzia delle Entrate che ci si deve rivolgere per presentare questo modulo.

In particolare per la registrazione devi avere questo modulo compilato e firmato in due copie, in modo tale che anche nella seconda copia vengano riportate le informazioni che riguardano la registrazione e il richiedente possa averla come restituzione.

Insieme al modello 69 all’Agenzia delle Entrate devi portare l’atto da registrare e le marche da bollo per il pagamento dell’imposta da applicare su ogni copia dell’atto.

Devi avere una marca da bollo da 16 euro per ogni quattro facciate, che corrispondono a 100 righe.

Istruzioni per la compilazione

Come compilare il modello 69?

Questo modello è composto da tre pagine, che sono suddivise in cinque riquadri.

Ogni riquadro è indicato con una lettera dell’alfabeto.

Si può ottenere il modulo 69 scaricandolo direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate oppure ci si può rivolgere ad un’agenzia immobiliare che ha svolto l’opera di mediazione per la compravendita.

Puoi compilarlo anche da solo, ma in caso di difficoltà puoi rivolgerti ad un consulente.

Vediamo come compilare le varie sezioni del modello 69.

Ti spieghiamo le istruzioni per il modello 69.

Riquadro A

Nel riquadro A devono essere inseriti i dati generali e la città in cui viene presentata la richiesta di registrazione.

Deve essere specificato il codice fiscale dell’acquirente o comunque di colui che richiede la registrazione.

Inoltre deve essere indicata la data in cui è stato firmato il compromesso.

Deve essere specificata anche la tipologia dell’atto, che consiste nella voce preliminare di compravendita.

Devi barrare la casella che riguarda la registrazione e quella che riguarda l’uso abitativo, se l’immobile viene adibito ad una proprietà residenziale.

Riquadro B

Nel riquadro B vanno inseriti i dati anagrafici dei soggetti interessati dal rapporto di compravendita, quindi sia quelli relativi al venditore che quelli che riguardano l’acquirente.

Bisogna indicare il codice fiscale dell’acquirente e del venditore, il cognome, la denominazione, la ragione sociale e i nomi dei soggetti dell’atto.

In particolare per le persone fisiche devi indicare il cognome e il nome per esteso.

Inoltre vanno specificati il Comune o lo Stato estero, la provincia e la data di nascita, sempre relativamente ad una persona fisica.

Riquadro D

Nel riquadro D devi inserire i dati che riguardano l’immobile.

In primo luogo i dati catastali, che comprendono il Comune, la sezione, il foglio, la particella e il subalterno.

A proposito dei codici del modello 69, ricordati anche di inserire il codice Comune, che puoi trovare nella visura catastale dell’immobile.

Le parti da non compilare

Nel modello 69 alcune sezioni non devono essere compilate.

Per esempio non devi compilare la prima parte che si trova in alto, perché è riservata all’ufficio.

Il quadro C non deve essere nemmeno questo compilato, perché è una parte riservata al notaio.

I riquadri E ed F si riferiscono alle locazioni non finanziarie, che rientrano nell’ambito del codice 7202.

Tempistiche

Il modello 69 si deve presentare per la richiesta di registrazione entro una data scadenza.

Deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate infatti entro 30 giorni dalla data di stipula.

Se non rispetti questi termini, puoi incorrere in delle sanzioni amministrative.

Puoi anche non provvedere alla registrazione del contratto soltanto se la durata non supera i 30 giorni complessivi nell’arco di un anno.

I nostri consigli

Ti raccomandiamo di fare molta attenzione alla compilazione e alla presentazione del modello 69.

Infatti per il comodato d’uso gratuito o per la compravendita di un immobile è fondamentale mettere in atto dei processi burocratici, per restare in regola e in linea con le norme vigenti nel nostro ordinamento giuridico.

Se presenti tardivamente il modello 69, puoi metterti in regola versando l’imposta non pagata e gli interessi di mora, potendo optare anche per il ravvedimento operoso.

Tuttavia è sempre molto importante prevenire le sanzioni di ogni tipo, per non incorrere in problemi burocratici che potrebbero ritardare il processo di compravendita.

La presentazione del modello 69 è uno di quegli adempimenti che non si ritengono facoltativi, ma che si devono rispettare obbligatoriamente per provare la regolarità dell’operazione compiuta.

Ricordati pure, come ti abbiamo già specificato, di non presentare questo modello quando si tratta di contratti di locazione, ma in questo caso di fare riferimento al modello RLI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here