Conformità Catastale: Differenze con Conformità Urbanistica, Che Cos’è e A Cosa Serve!


conformità_catastale_che_cos'è

In questa guida ci soffermeremo sul significato di conformità catastale e urbanistica mettendo in evidenza la loro importanza.

Il nostro obiettivo sarà soprattutto quello di fare chiarezza su questi concetti che spesso comportano molti dubbi e perplessità.

Molto spesso si viene a conoscenza o si sente parlare di conformità catastale quando si sta per comprare casa o si deve vendere un immobile.

Che cos’è

La conformità catastale indica  la corrispondenza  tra ciò che e stato indicato nella planimetria  e lo stato di fatto reale dell’immobile nel momento in cui il professionista fa la dichiarazione.

Come avrai capito la corrispondenza tra lo stato dei fatto dell’immobile e i dati catastali diventa fondamentale nel momento in cui stai per comprare un immobile o vuoi vendere un casa di tua proprietà.

Conformità urbanistica e catastale: differenze

Prima di proseguire con la nostra guida pensiamo sia fondamentale chiarire sin da subito la differenza esistente con la  conformità urbanistica.

Avrai dunque capito che la conformità catastale rappresenta la corrispondenza tra lo stato di fatto, la planimetria e altri dati catastali.

La conformità urbanistica indica la corrispondenza che c’è tra lo stato di fatto e i titoli edilizi abitativi che sono stati concessi nel tempo.

Un documento dunque fondamentale che è sempre bene richiedere quando si deve comprare, quando si vuole vendere e prima di ogni intervento edilizio in quanto permette di risalire ad un abuso edilizio.

Dichiarazione di conformità catastale

 La sua dichiarazione è obbligatoria!

Ti spieghiamo meglio!

Negli atti di compravendita deve essere obbligatoriamente presente una dichiarazione che dimostri e attesti la conformità dell’immobile in oggetto insieme alla planimetria catastale.

Quando non si ha questa dichiarazione essa può essere sostituita da un’attestazione di conformità che deve assolutamente essere rilasciata da un tecnico abilitato.

In questo modo il proprietario dell’immobile può evitare modifiche e complicazioni di vario tipo grazie a questa attestazione che funziona da documento ufficiale a tutti gli effetti.

I costi

Naturalmente sia la conformità catastale sia la conformità urbanistica hanno un costo e saperlo sin da subito è fondamentale per non andare incontro a brutte sorprese.

In ogni caso ti anticipiamo sin da subito che ci tratta di poche centinaia di euro la cui variabilità è strettamente dipendente dalla dimensione dell’immobile, dal numero di particella.

Vediamo quali sono all’incirca i costi della certificazione per entrambe le conformità:

  • Immobile fino a 100 mq: costo della certificazione della conformità urbanistica e catastale da euro 200 a euro 500 circa;
  • Appartamento da 100mq a 200 mq: costo della certificazione per la conformità catastale e urbanistica da 350 euro a 650 euro circa.
  • Casa oltre i 200 mq: costi da prevedere per la certificazione inerente la conformità urbanistica e catastale da 450 euro a 800 euro circa.

Quando è possibile non aggiornare la planimetria catastale

Non è sempre obbligatoria aggiornare la planimetria catastale.

Se la variazione catastale è lieve non c’è alcun bisogno di aggiornare la planimetria.

Per variazioni lievi si intendono quelle variazione che non influiscono sulla rendita catastale.

Pertanto se vengono ingranditi degli ambienti senza aumentare il numero dei vani è possibile non aggiornare la planimetria.

Attenersi alle regole è molto importante. Non dimenticarlo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here