Acquisto Seconda Casa: Come Farlo Investendo Bene i Propri Soldi e Tasse da Pagare!

ACQUISTO SECONDA CASA SPESE

Acquisto seconda casa: un pensiero che fanno molti italiani.

Cerchiamo di capire di che cosa si tratta in termini di costi!

Partiamo dall’inizio!

Ormai sempre più italiani sono convinti del fatto che comprare seconda casa sia un investimento importante e che comprare seconda casa conviene, anche quando si vuole comprare seconda casa senza vendere prima.

Per esempio conviene comprare una seconda casa per poter avere a disposizione un immobile da mettere a reddito con locazioni brevi di carattere turistico.

Ma comprare una seconda casa cosa comporta?

Ci sono particolari tasse che si devono conoscere da pagare o delle agevolazioni a cui si può accedere?

Abbiamo deciso di mettere a punto una specifica guida proprio sul comprare seconda casa, in modo da fornirti tutte le informazioni che ti possono essere più utili, se anche tu vuoi comprare seconda casa come prima casa, anche per sapere quali differenze ci sono nell’uno e nell’altro caso.

Acquisto seconda casa: quale destinazione scegliere

Nel mercato immobiliare delle seconde case c’è stata una sostanziale evoluzione rispetto al passato.

Prima si pensava a comprare seconda casa per le vacanze, per potervi trascorrere i periodi d’estate specialmente.

Adesso la situazione è cambiata, anche perché, contemporaneamente agli impegni più incalzanti, i periodi di vacanza tendono ad accorciarsi e molte persone tendono a voler cambiare ogni anno destinazione per le vacanze.

Ecco perché per molti comprare seconda casa significa usufruire di un reddito in più.

Anche da questo punto di vista, specialmente se si vuole affittarla nel periodo delle ferie, bisogna decidersi soprattutto fra montagna o mare.

Ci sono molte località nel nostro Paese che gli italiani, ma anche i turisti stranieri, sono soliti frequentare per dedicarsi agli sport invernali legati alla montagna oppure località prettamente marine, fra le mete preferite da moltissimi per passare qualche giorno al mare durante il periodo delle ferie estive.

Ma ci sono anche altre alternative per chi vuole comprare seconda casa.

Per esempio una delle destinazioni da scegliere è quella che si riferisce alle città d’arte o in una tipica località di villeggiatura.

Questi luoghi sono sicuramente privilegiati, perché sono molto ricercati dai turisti.

Se si ha intenzione di fare un investimento, si può acquistare un immobile anche in zone della città che siano ben servite, nelle vicinanze di negozi e centri commerciali, in modo da poter affittare la casa a prezzi più alti rispetto alla media.

Un’altra possibilità è quella di comprare una casa vicino alle sedi universitarie, per sfruttare il ritorno economico che si può avere da contratti di locazione transitori stabiliti con studenti universitari.

Seconda casa: acquisto e le tasse da pagare

Il nocciolo della questione quando si sceglie di acquistare la seconda casa risiede nelle tasse.

Tasse acquisto seconda casa: vediamo dunque che cosa succede !

Per esempio devi sapere che, se per comprare seconda casa hai intenzione di richiedere un mutuo, di solito i finanziamenti richiesti a questo scopo hanno dei tassi di interesse più alti rispetto a quelli che vengono richiesti per l’acquisto della prima casa.

Inoltre, se già hai acceso un mutuo per l’acquisto della prima casa e vuoi averne un altro per comprare seconda casa, non tanto facilmente la banca è disposta a concedertelo.

Per quanto riguarda in maniera specifica le tasse, bisogna vedere se l’acquisto avviene da un privato o da un’impresa, se questi soggetti sono esenti da Iva oppure se le imprese possono essere soggette al pagamento dell’Iva.

Nel caso di un privato le tasse da pagare consistono nelle seguenti:

  • 9% di imposta di registro;
  • 50 euro di imposta ipotecaria;
  • 50 euro di imposta catastale.

Se la seconda casa viene acquistata da un’impresa soggetta ad Iva, le imposte da pagare sono le seguenti:

  • 10% di Iva (22% in riferimento ad abitazioni di tipo signorile, ville o castelli e palazzi di pregio storico e artistico);
  • 200 euro di imposta di registro;
  • 200 euro di imposta ipotecaria;
  • 200 euro di imposta catastale.

Poi influisce sulle tasse anche il fatto che la seconda casa non sia rivenduta ai fini di un investimento, ma l’essere mantenuta dopo l’acquisto.

Ti ricordiamo il nostro articolo in cui ti parliamo in maniera dettagliata dell’argomento:  Tasse acquisto seconda casa: cosa c’è da sapere!

In questo caso si deve considerare la tassazione annuale sugli immobili, tasse come l’Imu e la Tasi.

Le aliquote di queste imposte per le seconde case possono cambiare da Comune a Comune.

Per esempio l’aliquota base dell’Imu è dello 0,76% e le amministrazioni comunali possono variarla tra un minimo dello 0,46% e un massimo di 1,06%.

Per quanto riguarda la Tasi, l’aliquota di base è pari a 0,1%, ma anche in questo caso l’amministrazione può decidere di aumentarla in base alle proprie necessità economiche.

È da dire anche che, per quanto riguarda la Tasi, questa tassa è soggetta ad un calcolo molto particolare, che può variare anche in base alla categoria catastale e al valore catastale dell’immobile.

Quando l’acquisto seconda casa è un investimento

Se vuoi acquistare una seconda casa non per andarci a vivere ma per investire nel mattone le opzioni che puoi considerare sono diverse.

Comprare casa all’asta può rivelarsi davvero molto conveniente.

Infatti puoi avere un guadagno fino al 20% del valore dell’immobile.

Basta che ti iscrivi per partecipare alle aste e, con un preavviso di 45 giorni, puoi visionare il bando che riguarda l’immobile che ti interessa.

Ti puoi affidare anche ad un esperto del settore, rappresentato in questo caso dalle agenzie immobiliari, che ti offrono l’assistenza e una consulenza specifica per tutte le fasi della compravendita.

Le case messe all’asta sono quelle che derivano da fallimenti o mutui non pagati oppure ci sono le cartolarizzazioni, delle aste in cui gli immobili messi in vendita sono quelli dello Stato o di enti pubblici.

Abbiamo approfondito l’argomento per fornirti tutte le informazioni di cui hai veramente bisogno.

Ti consigliamo pertanto le seguenti letture:

Il crowdfunding immobiliare consiste in una sorta di finanziamento collettivo.

Alcune persone mettono a disposizione delle somme di denaro per finanziare un’attività, come può essere l’acquisto di una casa.

Ci sono diverse piattaforme che consentono di impiegare alcune forme di investimento proprio sugli immobili.

Per esempio chi partecipa può mettere a disposizione del denaro per ristrutturare alcuni edifici e poi per ricavarne delle rendite derivanti dai canoni di locazione.

Guadagnare con le case investendo i propri soldi è possibile!

Investi nelle migliori piattaforme italiane: Le Migliori Piattaforme di Crowdfunding per Investire in Immobili

Le agevolazioni fiscali

È vero che, parlando in generale, se vuoi comprare seconda casa, di certo devi sottostare a delle imposte più alte.

Però ci sono delle piccole agevolazioni di cui puoi usufruire per quanto riguarda le tasse come l’Imu e la Tasi.

Per esempio, se l’immobile viene concesso in comodato d’uso a parenti che rientrano entro il primo grado, si riduce del 50% la base imponibile su cui calcolare Tasi ed Imu.

È importante però che il comodato d’uso sia certificato, che il parente risieda in Italia e che sia registrato all’anagrafe nella stessa casa che viene utilizzata per il comodato.

Inoltre il comodante deve possedere un solo immobile.

Inoltre considera anche che, se scegli di affittare l’immobile a canone concordato, potrai beneficiare di una riduzione fiscale di circa il 25%.

I consigli per l’acquisto di una seconda casa

Nel momento in cui procedi all’acquisto di una seconda casa, tieni conto di alcuni consigli che ti potrebbero essere utili.

Soprattutto, per stare attento a non cadere in degli errori imprevisti, dovresti essere consapevole di tutti i passaggi che implica l’acquisto di una seconda casa.

Non dimenticare mai di procedere ad una verifica precisa dell’immobile.

Ti conviene controllare gli aspetti tecnici e legali relativi all’immobile.

Per esempio da questo punto di vista dovresti controllare che la casa non sia stata costruita abusivamente, che non ci siano ipoteche o che non sia soggetta a difetti edilizi, sia relativi all’appartamento stesso che all’eventuale palazzo all’interno del quale è collocato.

Tieni conto della proposta di acquisto, che rappresenta un passo importante della trattativa.

Inoltre considera quanto possa essere rilevante il compromesso, detto anche preliminare di acquisto, importante anche nell’acquisto seconda casa.

Si tratta in sostanza di una scrittura privata, in cui l’acquirente e il venditore si mettono d’accordo su tutte le clausole e tutte le condizioni che andranno a regolare l’atto vero e proprio di compravendita.

Accertati che nel preliminare sia contenuto anche il prezzo concordato e che sia specificata la data entro la quale procedere alla stipula dell’atto.

Inoltre considera molto bene la fase finale per portare alla conclusione dell’acquisto della seconda casa.

Si tratta dell’atto di compravendita.

È un momento molto importante, perché con questo rogito notarile avviene l’effettivo trasferimento di proprietà dell’immobile dal venditore all’acquirente, dopo che questo ha pagato il prezzo che era stato concordato in precedenza con il preliminare.

È molto importante che l’atto sia stabilito alla presenza di una figura come un notaio, che possa fare da garante della compravendita regolare.

Il notaio è molto importante, perché verifica tutte le condizioni legali sul diritto di proprietà dell’immobile e sulla libertà dell’abitazione stessa da eventuali vincoli che potrebbero ostacolarne il passaggio dal venditore all’acquirente.

Per l’acquisto di una seconda casa il notaio di solito prende una parcella più alta rispetto a quella che sarebbe prevista per l’acquisto di una prima abitazione.

Tuttavia la sua presenza è indispensabile, anche per impostare il rogito e non cadere in eventuali pagamenti di sanzioni amministrative.

Perché l’atto di compravendita sia regolare e non comporti il pagamento di sanzioni, deve contenere le modalità di pagamento, i dati che riguardano eventualmente la presenza di un agente di intermediazione e, in questo caso, devono essere specificate le spese che devono essere pagate per la funzione di intermediazione.

Stando attenti a tutte queste fasi, si può essere sicuri di aver concluso un acquisto sicuro, che puoi utilizzare, se vuoi, anche come forma di investimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here