Vendere Casa con Eredi Minorenni: Si Può Fare! 2 Strade Percorribili, 4 Passaggi Fondamentali e Costi!

vendere_casa_con_eredi_minorenni_come_si_fa

Vendere casa con eredi minorenni: come fare?

È spesso questa una domanda che in molti si pongono, se hanno la necessità di vendere un immobile passato in eredità con intestazione a minori.

Infatti, a differenza di quanto si possa pensare, non sono pochi i casi in cui un minorenne può diventare proprietario di un immobile.

Ci sono molte circostanze, anche specifiche, che spingono i genitori a voler intestare una casa ai figli, anche se questi sono di minore età.

Può succedere anche che un minorenne erediti per successione la proprietà di un immobile, che viene trasferita automaticamente al figlio alla morte dei genitori.

Spesso in queste situazioni è difficile sapere come comportarsi e come agire se si vuole vendere casa con eredi minorenni.

La domanda fondamentale è sempre una: si può vendere casa con eredi minorenni, se questi ultimi non sono affiancati da un genitore o da un parente?

Vediamo di rispondere a queste domande attraverso la guida che abbiamo preparato appositamente per te sull’argomento.

Non perdiamo altro tempo e iniziamo subito a leggere!

Troverai le risposte che stai cercando!

È possibile vendere la casa?

Se vuoi sapere se è possibile vendere casa con eredi minorenni, dobbiamo dirti fin da subito che la risposta è affermativa.

È possibile infatti effettuare la compravendita anche se gli eredi a cui è andata attribuita la proprietà dell’immobile rientrano nella minore età.

Tuttavia la procedura da attuare è un po’ più complessa rispetto a quella che si utilizza quando la vendita dell’immobile avviene tra persone maggiorenni.

Vediamo subito di spiegarti come funziona la procedura.

Qual è la procedura da seguire

Secondo le norme in vigore nel nostro Paese, un minore non ha la capacità di decidere sulla vendita della casa.

Tra l’altro le norme prescrivono anche che il minore non è in grado di decidere il giusto prezzo a cui vendere o di gestire il denaro che ricava dall’atto di vendita dell’immobile.

Due strade possibili: ecco quali sono

Proprio per questo motivo, se vuoi vendere casa con eredi minori, devi rivolgerti necessariamente a seguire due vie.

La prima di queste consiste nell’interpellare un tribunale, se il bene immobile ereditato non appartiene ancora totalmente al minore.

In alternativa, invece, ti devi rivolgere ad un giudice tutelare, se il bene si può considerare già acquisito nella sua completezza.

Per la scelta del giudice tutelare devi fare riferimento al luogo di residenza dell’erede minorenne.

A questo punto il tribunale o il giudice stabiliscono la volontà del minore, dichiarando se l’erede minorenne voglia vendere o meno l’immobile.

Inoltre tutela l’erede minorenne nel processo di compravendita e nella gestione del denaro che si ricava dalla vendita della casa.

4 passaggi fondamentali per vendere casa con eredi minorenni

Vediamo il modo di delineare in maniera più dettagliata qual è la prassi che di solito si mette in atto quando vuoi vendere la casa con eredi minorenni.

Infatti, poiché tutto ciò presuppone l’intervento di un tribunale o di un giudice tutelare, la procedura può essere più articolata rispetto alla compravendita di tipo tradizionale.

1) Rivolgiti ad un avvocato

Come prima cosa devi rivolgerti necessariamente ad un avvocato, che si pone come avvocato del minore.

L’avvocato presenta in tribunale una richiesta di autorizzazione per poter vendere l’abitazione.

2) Aspetta la nomina del tutore

A questo punto il giudice nomina un tutore, che potrebbe essere per esempio un fratello o un parente maggiorenne dell’erede.

Un passaggio fondamentale che spesso viene ignorato totalmente.

3) Valuta la richiesta della stima di un tecnico qualificato

Poi il tribunale interpella anche un tecnico qualificato per richiedere una stima dell’immobile e, se è il caso, concede al tutore l’autorizzazione alla vendita.

È necessario però che il tutore trovi un acquirente disposto a pagare almeno il prezzo stimato, secondo quanto ciò è stabilito dalla perizia immobiliare, in corrispondenza proprio del valore individuato.

4) La ricerca dell’acquirente da parte del tutore

Quindi il tutore deve trovare un acquirente disposto a pagare quel determinato prezzo e poi deve presentare l’offerta di acquisto sempre rivolgendosi al tribunale.

Circa nell’arco di un mese il tribunale rilascia l’autorizzazione per la vendita.

Nel momento di definire il rogito in presenza di un notaio, il tutore interviene al posto del minore per sottoscrivere tutti i documenti necessari per la procedura di compravendita.

I costi

Tieni presenti anche i costi particolari che devi sostenere per vendere casa con eredi minorenni.

Infatti, oltre alle consuete spese da portare avanti nel normale processo di una vendita di un immobile, devi calcolare anche il contributo di 98 euro per il ricorso al giudice tutelare, con l’applicazione anche di una marca da bollo da 27 euro.

La vendita delle quote sulla casa ereditata da un minore

Può darsi anche il caso in cui il minore eredita soltanto delle quote su un immobile.

Allora in questo caso, con la vendita, bisogna stabilire che cosa farne del denaro ricavato.

La legge afferma che la vendita delle quote non è di libera disponibilità del tutore o di altri parenti.

Il denaro che viene ricavato deve essere versato su un conto corrente intestato al minore.

Quest’ultimo ha poi la facoltà di accedere alla somma quando raggiungerà la maggiore età.

Questa situazione non comporta conseguenze per un eventuale acquirente.

Infatti l’unica regola da seguire è quella che prescrive di intestare i pagamenti in maniera distinta, specificando quale somma va al minore e quanto denaro va agli altri soggetti eventualmente coinvolti nella vendita dell’immobile.

Per quanto riguarda l’apertura del conto, si tratta di un conto vincolato.

Non ci sono comunque difficoltà per l’acquirente, perché quest’ultimo è al riparo da qualsiasi contestazione, se comunque la vendita è stata autorizzata dal tribunale.

La vendita della casa con figli minorenni

Un’altra domanda che spesso in molti si pongono è rappresentata dalla seguente: si può vendere la casa di proprietà intestata ai figli minorenni?

I genitori hanno questa possibilità?

Nel caso in cui la casa sia intestata ad un figlio minorenne e i genitori, per esempio, risultano detentori del diritto di usufrutto legale sui beni del figlio, possono trarre utilità dall’immobile senza però esserne i veri proprietari, quindi non possono venderlo.

Tuttavia possono anche utilizzare come meglio credono le somme per esempio ricavate da un’eventuale locazione dell’immobile.

Un’altra possibilità che si può verificare è collegata al fatto che la casa sia per esempio inserita all’interno di un fondo patrimoniale.

In una situazione come questa la vendita dell’immobile con figli minorenni richiede sempre un’autorizzazione da parte del giudice tutelare.

È proprio quest’ultimo che decide di destinare una parte del ricavato ai figli in minore età tramite un conto corrente intestato al minore.

Poi, al compimento dei 18 anni, il ragazzo può decidere come utilizzare il denaro.

La guida su come vendere casa ereditata

In questa guida ti abbiamo spiegato come funziona la vendita di una casa con eredi minorenni.

Se non sei molto informato su come funziona esattamente la procedura da seguire per gli immobili che si ereditano e su quali sono i documenti obbligatori da possedere e presentare ti consigliamo di leggere questa guida: Vendere Immobile Ereditato: Come Funziona? Documenti Obbligatori, Tempi e Tasse! Quando Conviene Vendere?

Scoprirai info molto interessanti e utili!