Scale per Interni: Materiali, Modelli, Prezzi, Marchi Migliori e Autorizzazioni da Richiedere per le Scale da Interni!

scale in ferro per interni

Le scale per interni sono innanzitutto degli elementi funzionali, perché permettono di collegare a livello verticale i dislivelli che ci sono fra due piani.

Tuttavia non hanno soltanto la caratteristica della funzionalità, perché corrispondono anche ad una precisa scelta di stili per quanto riguarda la composizione degli spazi.

Naturalmente hai a disposizione vari modelli per scegliere le scale interne.

Le scale da interni, inoltre, possono essere realizzate in diversi materiali.

In questo modo puoi fare la scelta della scala interna in modo più corrispondente alle tue esigenze, obbedendo anche agli spazi che hai a disposizione.

Per esempio in ambienti anche piuttosto ridotti puoi inserire delle scale per interni piccole, in modo da provvedere all’ottimizzazione degli spazi.

Oppure per esempio puoi fare una scelta che alcuni giudicano più essenziale, optando, per esempio, per le scale prefabbricate per interni.

Il tema che riguarda le scale per interni è davvero tutto un mondo da scoprire, con caratteristiche differenti da tenere presenti anche in fase di progettazione.

Se vuoi saperne di più su questo argomento, leggi tutte le informazioni che ti proponiamo attraverso questa guida.

Andiamo al dunque!

I modelli

Ci sono tanti tipi di scale per interni, l’abbiamo già detto.

Ma vogliamo sapere quali sono le tipologie più utilizzate?

Andiamole a vedere.

Scala rettilinea

Alcuni per esempio scelgono la scala rettilinea, che è quella che si sviluppa con una sola rampa oppure con più rampe interrotte da un pianerottolo.

Gli scalini possono essere di forma triangolare o a trapezio.

Rappresenta una tipologia di scala molto utilizzata in quanto facilmente collocabile soprattutto negli appartamenti che si sviluppano su due livelli.

Scale a chiocciola

Poi ci sono le scale a chiocciola per interni, che sono anche delle scale moderne per interni.

Sono ideali da utilizzare quando lo spazio è piuttosto ridotto.

Le scale per interni a chiocciola possono avere una pianta quadrata o circolare.

Spesso sono sostenute da una colonna centrale e sono autoportanti.

Scala Elicoidale

Per una maggiore comodità, rispetto alle scale a chiocciola, puoi optare per una scala elicoidale.

È differente per quanto riguarda la struttura e la dimensione.

La scala elicoidale infatti è sviluppata a partire da due elementi, due eliche che reggono tutta la struttura.

Le scale elicoidali possono essere portanti con un piantone centrale oppure autoportanti.

Si può realizzare anche per degli ambienti interni una scala in muratura.

Di solito però questa è una soluzione che viene utilizzata quando la casa è nella fase di progettazione per la costruzione o per la ristrutturazione.

Infatti è essenziale che la scala in muratura venga agganciata ad una parete portante oppure che si appoggi su una trave.

Molto bella da vedere anche la scala a giorno, che può essere addossata ad una parete oppure può occupare il centro della stanza.

scale per interni prezzi e modelli
Img tratta dal sito Rintal

La scelta dei materiali

Anche per quanto riguarda i materiali hai un’ampia possibilità di scelta.

Scale interne in legno

Per esempio molto utilizzate sono le scale in legno per interni.

La scala in legno costituisce delle scalinate in legno che comportano dei vantaggi per chi le usa.

Infatti nelle scale interne in legno, se il materiale è usurato, si può levigare.

Inoltre se si ipotizza un uso molto intenso di queste scale, si possono scegliere dei materiali più resistenti sempre in legno, come il faggio, il rovere, il noce o il castagno.

Scale per interni in ferro

Anche il metallo è utilizzato per la costruzione di scale per interni.

Basti pensare per esempio alle scale in ferro per interni.

Queste scale in metallo o quelle realizzate in ghisa garantiscono una buona resistenza.

Di solito hanno i gradini che sono protetti da materiali antiscivolo, come gomma o PVC.

Scale in muratura e in vetro

Le scale in muratura invece si possono rivestire con altri materiali, come il cotto, il marmo o le pietre naturali.

E poi non bisogna dimenticare, sempre parlando in termini di materiali, delle scale interne in vetro, che spesso vengono abbinate al legno, all’acciaio o al ferro, soprattutto per avere una scelta di stile molto contemporanea.

scale prefabbricate per interne tipologie
Img tratta dal sito Fontanot

I marchi e le caratteristiche

Ci sono molti marchi conosciuti di scale per interni.

Rintal

Uno di essi che possiamo citare per esempio è Rintal.

Questa azienda propone una vasta gamma di scale che si adattano ad ogni stile abitativo.

Le combinazioni dei materiali sono diverse e tutte si dimostrano molto versatili.

Le scale Rintal diventano dei veri e propri accessori, dei complementi d’arredo.

Ci sono scale a chiocciola, scale salvaspazio, scale elicoidali e scale retrattili che si caratterizzano proprio per essere a scomparsa e vengono installate generalmente negli spazi ridotti per accedere a soffitti o sottotetti.

Per quanto riguarda le scale per interni i prezzi, rifacendosi a questo marchio, vanno da 1.400 a 2.500 euro in media.

Per esempio per quanto riguarda le scale in legno per interni i prezzi di Rintal per una scala in legno massello sono di circa 2.500 euro.

Fontanot

Un altro marchio molto conosciuto di scale per interni è Fontanot.

Anche in questo caso c’è davvero un’ampia scelta, perché l’azienda offre le scale a chiocciola e le scale retrattili per gli ambienti più piccoli.

Poi ci sono ancora scale a rampa, scale a sbalzo e si possono scegliere anche delle scale appositamente fornite in kit.

Per quanto riguarda i prezzi delle scale Fontanot, essi vanno da 450 euro a 1.600 euro in media.

La progettazione e le autorizzazioni per l’installazione

La legge 13 del 1989 e il decreto ministeriale 236, sempre dello stesso anno, regolano tutti gli aspetti normativi, strutturali e di sicurezza per la progettazione di scale per interni.

In ogni caso bisogna sempre fare riferimento ai regolamenti edilizi comunali, perché a livello locale ci possono essere delle differenze.

In generale i criteri da tenere presenti in fase di progettazione, per esempio per quanto riguarda i gradini, sono quelli che prevedono di rispettare il rapporto fra l’alzata e la pedata, in modo che si abbia un valore di circa 63 centimetri in totale.

L’alzata ideale dovrebbe essere inferiore ai 19 centimetri e la pedata di circa 30 centimetri.

Ci sono poi altre caratteristiche che si devono considerare, per esempio il dislivello tra i piani che si devono collegare, l’ingombro, il peso, la posizione.

Proprio in base a tutte queste caratteristiche si possono scegliere il modello di scala più adatto e la tipologia di materiale più utile.

Molto importante è anche il tema delle autorizzazioni necessarie, infatti, ogni volta che devi realizzare una modifica all’interno della tua casa, ti devi informare su quale autorizzazione occorre.

Per esempio di recente è stata introdotta la necessità di richiedere come titolo abitativo la SCIA, se per l’inserimento di una scala per interni devi ricorrere alla demolizione di una parte del solaio o devi fare delle modifiche strutturali.

Quando queste modifiche invece non sono strutturali, può bastare la CILA.