Pannello fotovoltaico prezzo e come sceglierli!

0
253
pannello fotovoltaico prezzo opinioni

Pannello fotovoltaico prezzo? Non sono pochi a chiedersi i costi ai quali si va incontro nel momento in cui si cominciano a fare le valutazioni sui pannelli fotovoltaici.

Chi vuole installare un pannello fotovoltaico sul proprio tetto di casa si trova di fronte a tante offerte, alcune economiche altre meno, ma non tutto ciò che luccica è oro, nel senso che non sempre sono prodotti di qualità.

Il mercato, nel mondo dedicato ai moduli solari, è nel pieno del suo sviluppo e produzione, per tanto, la scelta è davvero ampia e variegata: da quelli di provenienza asiatica a quelli prodotti in Europa e Stati Uniti d’America con tanto di certificati di fabbricazione.

Se volessimo guardare ai numeri, considerando solo il fotovoltaico prezzi piuttosto che la qualità scopriamo che i panelli più venduti al mondo sono di provenienza cinese, seguono Hong Kong, Corea del Sud e Canada.

Anche se non esistono dei criteri di riferimento veri e propri da considerare per distinguere i migliori pannelli fotovoltaici è consigliabile prendere in considerazione panelli di qualità.

Un primo nodo da sciogliere è la questione delle marche, poi ci sono i modelli e le tipologie, il tutto trovando una giusta soluzione qualità-prezzo.

In mancanza di conoscenze tecniche, esperienza e validi consigli, si rischia di finire in un labirinto, raggirati dal miglior venditore in termini di furbizia.

Districarsi non è semplice, considerata la grossa offerta, parliamo di prodotti che arrivano da ogni angolo del mondo e in continua concorrenza tra loro. Cercherò di mostrarvi la strada più semplice su come scegliere un pannello fotovoltaico.

È importante scegliere solo i migliori pannelli fotovoltaici sul mercato e non prodotti di bassa qualità: il prezzo di un pannello fotovoltaico deve avere il giusto rapporto qualità-prezzo, in modo da garantire una buona riuscita nel tempo e far sì che l’investimento non rischi di essere una perdita.

Più alta sarà la qualità dei nostri pannelli maggiore sarà l’energia e il rendimento del impianto negli anni e i soldi spesi in partenza risulteranno un investimento valido.

Un pannello fotovoltaico che produce poco non serve a nulla, non ci fa risparmiare sulla bolletta e rischia di non durare abbastanza.

È importante ricordare che questi apparecchi devono protrarsi almeno 25/30 anni, generando energia al massimo della loro efficienza, con una sostituzione dell’inverter dopo circa 10 anni e non prima.

Cedere alla tentazione di un prodotto economico è facile, si trovano marche cinesi e asiatiche decisamente a buon mercato, purtroppo, il rendimento è scarso rispetto a quelli provenienti dall’Europa, soprattutto Germania e Spagna e dagli USA.

In ogni caso bisogna sempre chiedere la garanzia di rendimento.

Sì, ma come riconoscere un buon pannello fotovoltaico? E il prezzo? E come sceglierli?

Senza addentrarsi in discussioni troppo tecniche si possono evidenziare alcuni criteri che ci possono aiutare a scegliere un pannello invece che un altro, prendendo in considerazione anche il prezzo di pannello solare fotovoltaico.

Anche se sarebbe corretto parlare di segnalazioni e non criteri in modo da non trovarci impreparati dinanzi all’azienda che vuole venderci la propria merce.

Esistono caratteristiche tecniche uguali presenti in ogni pannello fotovoltaico sul mercato, soluzioni compatibili con la connessione in rete e accesso al meccanismo dello scambio sul posto.

Un altro fattore da tenere presente è l’anzianità della casa produttrice che si traduce nell’esperienza e affidabilità riconosciuta a livello internazionale di cui c’è bisogno anche per eventuale manutenzione.

Altro aspetto importate è la lettura della scheda tecnica del produttore o specifiche dei moduli fotovoltaici; saper leggere i dati è un utile strumento di confronto e rilevatore di qualità dell’azienda produttrice di pannelli fotovoltaici.

Riguardo all’offerta commerciale possiamo paragonare questi punti:

  • Il rapporto qualità-prezzo. È importante confrontare i prezzi prima dell’acquisto di un pannello fotovoltaico.
  • La garanzia non è da sottovalutare, anche il miglior pezzo può generare difetti di fabbrica.
  • Il supporto post-vendita. I centri d’assistenza non sempre sono facilmente raggiungibili, sapere che l’unico a nostra disposizione è addirittura in un’altra città non è una bella notizia, meglio mettere tutto in chiaro prima dell’acquisto.

Nella scheda tecnica i punti da focalizzare sono numerosi e complessi, riservati soprattutto agli addetti ai lavori. Tuttavia segnalarne alcuni può essere d’aiuto anche ai comuni mortali:

  • L’efficienza dei pannelli. È un valore che va dal 15% al 22% e indica quanta irradiazione solare alle celle viene convertita in corrente elettrica.
  • Il livello di resistenza meccanica. È un indicatore che rivela fino a che peso può supportare il pannello prima che subisca dei danni in caso di neve o grandinate, viene espresso in Kg oppure in Pounds.
  • Il livello di resistenza al vento, è un importante indicatore nella salvaguardia di danni causati da agenti atmosferici.
  • Il coefficiente di temperatura. Misura il calo di rendimento di un pannello durante le giornate sottoposte a elevate temperature.
  • Temperature massime e minime di funzionamento. Sono dei limiti-soglia di temperatura al di fuori dei quali il pannello fotovoltaico non può lavorare. Questi parametri difficilmente sono diversi tra le numerose case produttrici.
  • Massima potenza. Questo è un valore espresso in Watt ed è ottenibile dal modulo, segnala il punto massimo di potenza che il panello e ingrato di generare. I piccoli sistemi hanno un range di 315 Watt.

Prezzo pannello solare fotovoltaico

Pannello fotovoltaico prezzo? Ci siamo e ti spieghiamo subito e bene!

Investire nel fotovoltaico è un atto d’amore verso il pianeta terra e verso chi ci abita oggi e vi abiterà domani, oltre che un buon modo per risparmiare soldi.

Parliamo di un investimento oculato e recuperabile in tempi brevi, considerando che la manutenzione e minima e gli impianti durano 25/30 anni.

Andiamo a vedere orientativamente i costi di un pannello solare fotovoltaico di un pannello fotovoltaico amorfo prezzo e di un pannello fotovoltaico policristallino prezzo

I prezzi di un singolo pannello non costituisco l’intera somma degli impianti, a esso vanno inclusi i costi delle componenti, la progettazione e in fine il trasporto e il montaggio.

Tra le varie voci quella che incide di più sul costo totale dell’impianto riguarda il prezzo dei moduli, oltre il 70%.

Qui di sotto propongo un prospetto in base al nucleo famigliare.

  • Per un nucleo di 2 persone, potenza impianto di 3Kw, consumo annuo in kWh 2500-3000, prezzo incluso d’istallazione e progetto 6.000-8.500 euro.
  • Per un nucleo di 3 persone, potenza impianto di 6Kw, consumo annuo in kWh 300 -3500, prezzo incluso d’istallazione e progetto 9.000 – 11.000 euro.
  • Per un nucleo di 4 persone, potenza impianto di 9Kw, consumo annuo in kWh 4000 – 4500, prezzo incluso d’istallazione e progetto 10.000 – 15.000 euro.

A questi costi si aggiungono le spese per le varie pratiche burocratiche e di allacciamento alla rete elettrica.

Con la manutenzione ordinaria dell’impianto siamo intorno ai 100 euro l’anno, quella straordinaria potrebbe richiedere la sostituzione dell’inverter al costo di 1000 euro circa.

Tra i diversi tipi di moduli in commercio vi sono i pannelli fotovoltaici amorfi che con le loro caratteristiche si sono guadagnati una buona fetta di mercato grazie alla loro economicità e basso impatto ambientale.

Nei pannelli amorfi il modulo viene costruito su una lastra di vetro molto sottile, su cui è deposto il silicio, grazie a esso si produce energie elettrica solare.

Questo tipo di sistema ha una lavorazione minore rispetto a un pannello fotovoltaico standard e anche rispetto un pannello fotovoltaico policristallino, andando tuttavia a discapito dell’efficienza che sarà inevitabilmente minore in confronto a sistemi ampiamente presenti sul mercato, si va tra il 6% e il 11%, soprattutto nei primi mesi di esposizione al sole.

L’unico vantaggio dei pannelli amorfi quindi è determinato solo da un risparmio iniziale nella fase d’acquisto, con la conseguenza di un recupero più breve dell’investimento.

Stesso discorso va fatto anche nel caso di un pannello solare polocristallino, anch’esso riserva una favorevole economicità, il costo di produzione è inferiore a un pannello a moduli monocristallini e si distinguono dal colore delle celle che è di un blu mutevole, impiantate da cristalli di silicio orientati in modo casuale.

La differenza trai i due modelli sta nella purezza del silicio e la dipendenza al cambiamento di temperatura.

I pannelli policristallini hanno buon rendimento alle alte temperature, gli amorfi hanno una resa inferiore che si aggira in torno al 30%.

In conclusione va detto che non esiste una realtà assoluta quale scegliere, l’acquisto di un determinato pannello fotovoltaico dipende unicamente dalle vostre esigenze.

L’unico consiglio che do è sempre quello di prendere questi articoli come dei punti di riferimento e non verità assolute, in particolare riguardo ai prezzi che variano di produttore in produttore.

Sui pannelli fotovoltaici puoi trovare ancora:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here