Allarme perimetrale: caratteristiche, tipologie e prezzi

448
Allarme perimetrale

Hai finalmente deciso di viaggiare tranquillo, lasciando la tua casa incustodita senza troppe ansie tutte le volte che vuoi? Sei stanco di uscire la sera con l’angoscia di ritornare più presto che puoi?

Con l’istallazione di un sistema antifurto potrai finalmente goderti le vacanze senza quel pensiero fisso che ti prende: una possibile irruzione di ladri in casa, in qualunque momento.

Dopo questa saggia decisione, presa in nome della tua serenità, non è il caso di dare spazio a una nuova angoscia: il timore di scegliere l’antifurto sbagliato per assenza di informazioni.

Inizia a fare il tuo carico di conoscenza in tema di sicurezza e scopri cos’è l’allarme perimetrale, quali sono le sue caratteristiche e quanto costa.

Così potrai valutare se può rispondere alle tue esigenze o se hai bisogno di cercare un altro tipo di sistema d’allarme antifurto. 

Inoltre è importante sapere scegliere tra le varie marche di antifurto che ci sono sul mercato. Per questo motivo ti consigliamo di leggere l’articolo su:Allarmi case: le migliori marche!

In Questo Articolo ti Parliamo di:

Allarme casa perimetrale: che cos’è

L’allarme perimetrale esterno è un sistema antifurto che ha lo scopo di proteggere e mettere in sicurezza il perimetro di una proprietà (edificio, abitazione, giardino, azienda, negozio), si presta a monitorare aree di vaste dimensioni, ma si adatta facilmente a superfici più limitate. Ideale per i muri delle ville, i balconi degli attici, ma anche per le finestre e l’attraversamento dei cancelli. È costituito da sensori installati su supporti fissi che delimitano l’area del perimetro, di solito a raggi infrarossi e si attiva al passaggio dei malintenzionati. Lo scopo principale dell’allarme perimetrale casa è proprio quello di segnalare e impedire l’intrusione dei ladri all’interno dello spazio che l’allarme delimita. I sensori dell’antifurto perimetrale esterno possono essere collegati alla centrale operativa che invia la segnalazione alle guardie giurate, le quali potranno intervenire in breve tempo. In questo modo, il pericolo non viene comunicato solo ai padroni di casa, ma anche a chi può intervenire tempestivamente.

Tutte le variazioni sulla base di questo sistema vengono fatte dopo accurate valutazioni dei punti di debolezza dello spazio da proteggere.

Allarme perimetrale casa: tipologie

Le principali tipologie di allarme perimetrale sono tipologie di allarme perimetrale esterno con fili e senza fili.

L’antifurto perimetrale via filo prevede la stesura di tutti i cavi necessari a portare almeno quattro fili: due fili per il segnale dell’allarme e due fili per la corrente necessaria ai vari dispositivi di protezione.

Per quanto riguarda l’allarme senza fili, l’impianto può essere con barriera a microonde, utile quando l’area si trova in una zona con visibilità ridotta a causa di avverse condizioni meteo, come nebbia fitta o alto tasso di piovosità.

Il sistema fa uso delle microwave, onde elettromagnetiche per generare un campo invalicabile, funziona grazie all’installazione di una serie di colonnine posizionate lungo tutto il perimetro della zona, le quali sono in grado di rilevare il passaggio dei ladri all’interno dell’area.

Un altro tipo di impianto allarme perimetrale esterno senza fili è quello a sensori infrarossi, molto simile come struttura a quello con barriera a microonde, con la differenza che per la messa in sicurezza e il rilevamento delle presenze sospette utilizza i raggi infrarossi.

Le barriere perimetrali sono installate a coppia, in quanto composte da un sensore emettitore e uno ricevitore. Il primo invia un raggio a infrarossi che è captato dal ricevitore; viene a crearsi in questo modo un filo invisibile che, se interrotto o valicato, fa scattare il segnale d’allarme.

Ci sono anche le barriere perimetrali a doppia tecnologia che utilizzano sia gli infrarossi che le microonde, un doppio controllo per evitare fastidiosi falsi allarmi. Alcuni modelli hanno due fasci di infrarossi che vengono emessi su frequenze differenti, allo scopo di evitare tentativi di sabotaggio che hanno lo scopo di disattivare il sistema di allarme. La portata di questi modelli arriva anche a 100 metri, una lunghezza che permette di coprire interamente il lungo muro esterno di una proprietà da salvaguardare.

Oltre ai sensori infrarossi ci sono i sistemi antifurto con allarme perimetrale esterno wireless (senza fili) con sensori interrati. In questo caso, l’impianto antintrusione è completamente invisibile e mimetizzato, infatti i sensori che lo compongono non sono visibili all’esterno poiché completamente interrati nel suono.

Si tratta di sensori con una tecnologia particolarmente avanzata che distingue anche la presenza delle persone da quella degli animali, al fine di evitare allarmi inutili ed essenziale quando i possessori dell’area da mettere al sicuro sono in possesso di animali domestici.

Infine, il mercato offre un’altra tipologia di allarme perimetrale esterno, quella con cavo. Il cavo del sistema può essere microfonico o a fibra ottica.

L’allarme perimetrale esterno con cavo microfonico viene posizionato su recinzioni reticolari ed entra in funzione al contatto con la rete metallica.

Se il malintenzionato sfiora la rete, i sensori inviano un segnale di natura sonora ai cavi, i quali a loro volta decifrano la situazione e fanno scattare l’allarme se è necessario. Mentre, quando il cavo del sistema antifurto perimetrale è a fibra ottica, abbiamo un analogo sistema di funzionamento, ma si attiva quando uno dei fili della rete metallica di recinzione viene tranciato.

Allarme perimetrale: costo

Il costo allarme perimetrale non si può stabilire con estrema precisione. Si può però affermare con certezza che i modelli più economici per un allarme perimetrale esterno con una portata massima di 25 metri a singolo o doppio fascio hanno un prezzo compreso tra i 100 e i 150 euro.

Allarme perimetrale esterno prezzi: la spesa aumenta se scegliamo modelli a triplo o quadruplo fascio, con un grado di protezione molto elevata oppure in doppia tecnologia con l’uso delle microonde per il controllo.

Un altro esempio per ricavare un’idea più precisa dei costi è un allarme perimetrale costituito da quattro sensori volumetrici, di cui due nelle stanze da letto e due nel soggiorno, due sensori sismici per inferriate, uno per ogni porta, finestra della stanza e un sensore a contatto magnetico per la porta d’ingresso in caso di apertura con una falsa chiave o altro.

Se il prezzo medio per ogni sensore oscilla intorno ai 50-60 euro l’impianto verrà a costare tra i 400 euro e i 500 euro.

Non fermarti qui! Raccogli altre informazioni sulla sicurezza della tua casa:

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here