Consultazione rendite catastali: tutti i passi per una corretta consultazione!

135
Consultazione Rendite Catastali come si fa

La consultazione rendite catastali può essere utile in molte occasioni, specialmente quando si tratta di effettuare un processo di compravendita di un immobile.

Infatti la rendita catastale è molto importante anche per calcolare il valore di una casa, permettendo quindi al venditore di sapere a che prezzo vendere un immobile.

D’altronde non dobbiamo dimenticare che attraverso la consultazione catastale puoi accedere a diversi tipi di documenti, come la visura catastale, le visure ipotecarie, gli estratti di mappa e le planimetrie catastali.

Si tratta di documenti molto importanti per saperne di più su un determinato immobile.

I dati catastali si rivelano fondamentali in molte occasioni, anche quando si tratta di un affitto o della richiesta di un mutuo ad una banca.

Ma vediamo come è possibile effettuare le consultazioni delle rendite catastali gratis, che cos’è la rendita catastale nello specifico e come fare per accedere a questi documenti.

In Questo Articolo ti Parliamo di:

Cos’è la rendita catastale

La rendita catastale è un valore che viene attribuito a tutti gli immobili che sono in grado di produrre reddito.

Per calcolare la rendita catastale si deve moltiplicare la consistenza dell’immobile per il valore riportato da quelle tariffe che sono state elaborate dall’Agenzia del Territorio.

Questi valori, nella loro elaborazione, tengono conto del Comune, della categoria catastale e della classe di merito dell’immobile.

Si tratta di richiedere all’agenzia del territorio la consultazione rendite catastali.

In genere per calcolare la rendita catastale non si tiene presente soltanto la superficie della casa, ma vengono presi in considerazione anche il numero di vani e la volumetria.

Per calcolare la rendita catastale si tiene conto dell’estimo.

Infatti spesso si parla proprio di tariffe d’estimo.

Quest’ultimo è un valore che viene assegnato all’immobile in base alla zona in cui è collocato e in base alla destinazione e all’uso che si fa dell’immobile.

Chi può fare la consultazioni rendite catastali

Per accedere alla rendita catastale e consultarla è necessario pagare dei tributi speciali, se la consultazione stessa viene richiesta da un professionista, come per esempio un notaio, un commercialista o un architetto.

Tuttavia non soltanto i professionisti possono accedere alla consultazione della rendita catastali. Per le rendite catastali la consultazione può essere effettuata non soltanto dai professionisti, visto che in alcuni casi si ha diritto alla consultazione gratuita.

Consultazione rendita catastale gratuita

Hanno diritto alle consultazioni rendite catastali gratuite  i proprietari, i comproprietari di un immobile, coloro che hanno altri diritti reali sull’immobile stesso e i coniugi di chi ha diritto, purché sia in comunione dei beni.

Ma chi sono in maniera specifica i soggetti che hanno diritto?

Sono quelli individuati dal DL 16 del 2012 e la loro titolarità si acquisisce attraverso dei passaggi di proprietà, come avviene nel caso della compravendita, delle donazioni o dell’acquisizione di eredità.

La consultazione rendite catastali, a partire dal 2016, è stata riservata come possibilità non solo alle persone fisiche, ma anche alle società.

I documenti che sono consultabili

I documenti catastali che possono essere resi disponibili tramite la consultazione rendite catastali sono diversi.

In particolare per quanto riguarda quelli che si possono ottenere gratuitamente sono i seguenti: la visura in riferimento all’immobile attuale, la visura storica, la visura della mappa, la visura planimetrica e l’ispezione ipotecaria.

È possibile scaricare direttamente da internet questi documenti, che sono disponibili anche in formato PDF.

Inoltre bisogna ricordare che, se la consultazione rendite catastali viene effettuata da un soggetto che gode di diritti sull’immobile, si può avere accesso anche agli atti di trascrizione dell’immobile negli appositi registri.

Come fare la consultazione

Ma passiamo all’atto pratico e vediamo com’è possibile fare a livello concreto la consultazione rendite catastali.

Ci sono due possibilità per gli utenti.

Si tratta di ricorrere alla consultazione rendite catastali per via telematica o alla consultazione rendite catastali attraverso gli uffici provinciali dell’Agenzia delle Entrate.

Se vuoi procedere per via telematica, devi iscriverti ai servizi Fisconline o Entratel messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Proprio a quest’ultima devi richiedere la password, in modo che tu possa effettuare il login. Richiedi all’Agenzia delle Entrate anche il codice PIN.

Se vuoi rivolgerti direttamente agli sportelli degli uffici provinciali del territorio dell’Agenzia delle Entrate, che si configurano come quello che una volta era il Catasto, per la consultazione rendite catastali, ricordati di portare con te un documento di identità in corso di validità.

Il tuo documento è importante in modo che l’addetto allo sportello possa procedere alla tua identificazione e consentirti di accedere alla consultazione rendite catastali in maniera gratuita, se sei proprietario o se hai qualche diritto nei confronti dell’immobile per il quale vuoi effettuare la consultazione rendite catastali.

Come effettuare la ricerca tramite codice fiscale

Se, oltre ad effettuare la consultazione rendite catastali, hai bisogno di visualizzare la visura catastale online, puoi effettuare per via telematica una ricerca sul servizio in rete dell’Agenzia delle Entrate.

Basta che tu abbia a disposizione il codice fiscale.

In questo modo puoi fare una ricerca online tramite codice fiscale, per accedere a molte informazioni utili.

In particolare, attraverso la ricerca online con codice fiscale, puoi vedere quali sono i dati anagrafici del soggetto a cui è intestato l’immobile, puoi scoprire gli identificativi catastali degli immobili che sono intestati ad un determinato soggetto, puoi avere accesso ai dati che riguardano la titolarità del soggetto e sapere qual è la sua quota di diritto.

Inoltre puoi visualizzare la rendita catastale e l’ubicazione dell’immobile secondo i dati che sono stati riportati al Catasto fabbricati.

Per via telematica è possibile non soltanto accedere ai dati catastali che riguardano le rendite, ma puoi anche procedere, nel caso in cui fosse necessario, alla rendita catastale.

Dopo l’accesso al servizio online e dopo aver visualizzato i dati, se riscontri degli errori nelle informazioni che riguardano il tuo immobile, puoi effettuare una richiesta direttamente alla banca dati dell’Agenzia delle Entrate, in modo che i dati vengano modificati.

Per fare la domanda di correzione puoi recarti presso uno degli uffici del territorio oppure puoi utilizzare il servizio online che si chiama Contact Center.

Nella richiesta di correzione devi indicare le tue generalità, i dati catastali che si riferiscono all’immobile, la situazione che è stata riscontrata e per la quale quindi si procede alla richiesta della correzione.

Inoltre chi effettua la domanda deve indicare tutte quelle informazioni utili alla correzione dell’errore.

Approfondimenti utili:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here