Categoria Catastale D1: Caratteristiche, Imposte, Vantaggi e Svantaggi!

d1 categoria catastale

La categoria catastale D1 comprende gli opifici.

È molto importante essere a conoscenza che l’immobile appartenga alla categoria D1 per calcolare l’attribuzione della rendita catastale della categoria D.

La rendita catastale in generale è molto importante per poter determinare le tasse che si devono pagare riguardo ad uno specifico immobile.

Se hai un fabbricato, devi sempre chiederti di che cosa si tratta e in quale categoria catastale rientra.

Infatti potrebbe rientrare nella categoria catastale D1, per la quale è previsto un calcolo specifico in base ad un determinato coefficiente di cui ti parleremo successivamente.

Spesso i titolari degli immobili trascurano l’informazione che riguarda l’appartenenza ad una determinata categoria catastale, dimenticando che, proprio in base ad essa, viene deciso l’ammontare delle imposte da versare all’Agenzia delle Entrate.

Quindi, per riuscire a saperne di più sulla categoria catastale D1 e comprendere quanto devi pagare riguardo al possesso di un immobile o di una costruzione in generale che rientri all’interno di questa categoria di riferimento, abbiamo predisposto un’apposita guida.

Cominciamo subito!

La definizione

Partiamo subito col chiederci la categoria catastale D1 che cos’è o meglio cosa identifica.

Scopriamo quindi della categoria catastale D1 la definizione specifica.

Come abbiamo già accennato all’inizio della guida, la categoria catastale D1 comprende gli opifici.

In generale possiamo dire che comprende i fabbricati all’interno dei quali si svolge un’attività industriale resa per mezzo di meccanismi che non si possono muovere, perché devono essere fissati.

Ma ci sono sicuramente dei requisiti molto dettagliati che devi assolutamente conoscere, se vuoi verificare che il tuo fabbricato rientri nella categoria catastale D1.

Andiamo a vedere di quali si tratta.

I requisiti

La categoria catastale D1 comprende gli stabilimenti e le fabbriche che occupano delle porzioni di fabbricati o per intero il fabbricato stesso.

All’interno di quest’ultimo si svolge un’attività che ha come scopo la produzione di un bene economico.

In generale si fa riferimento a tutti quei fabbricati in cui si lavora per trasformare la materia prima in prodotti che poi possono essere venduti.

Per esempio si possono intendere in questo senso le fabbriche di automobili, uno zuccherificio oppure un fabbricato all’interno del quale si svolge la produzione di prodotti e servizi che, una volta venduti, possono stimolare la produzione di altri prodotti.

Inoltre fanno parte di questa categoria le falegnamerie (quelle che non hanno un carattere artigianale), le cabine elettriche, le centrali idroelettriche, i caseifici e i forni destinati alla produzione del pane.

Pro e contro

Poiché abbiamo visto che all’interno della categoria catastale D1 rientrano anche le centrali elettriche, bisogna considerare quale ruolo possano avere gli impianti fotovoltaici, soprattutto sul piano fiscale, in base alla possibilità di pagare le tasse relative all’impianto stesso.

Nello specifico devi chiederti se l’impianto debba essere considerato un bene mobile o immobile e se sussista l’obbligo di accatastamento.

Tutto ciò può determinare anche un risvolto sulla rendita catastale.

In generale possiamo dire che gli impianti fotovoltaici sono da considerarsi immobili e quindi richiedono un accatastamento autonomo, se costituiscono una centrale di produzione di energia elettrica e se risultano posizionati sulle pareti di un immobile oppure su un tetto e quindi ne incrementano il valore di almeno il 15%.

Quando invece la loro potenza è inferiore a 3 kW per ogni unità immobiliare o quando, nelle installazioni al suolo, il volume occupato è inferiore a 150 metri cubi, i pannelli fotovoltaici vengono considerati soltanto come dei beni mobili.

Per quanto riguarda gli svantaggi, non è possibile individuarne in maniera specifica, soprattutto per quanto riguarda l’ambito fiscale e quindi il pagamento delle tasse dovute.

Le tasse

Per spiegare quali sono le tasse relative agli edifici che rientrano in questa categoria, devi considerare qual è la rendita catastale.

Infatti, in base all’appartenenza di un immobile ad una determinata categoria, si stabiliscono anche dei coefficienti più alti.

Quindi a seconda della categoria le tasse da pagare possono essere più o meno care.

Parti dal calcolo della base imponibile, che è ottenuta dalla rendita catastale moltiplicata per 1.05 in base alla rivalutazione automatica.

Poi moltiplica la cifra ottenuta per il coefficiente proprio della categoria catastale D1.

In maniera particolare in questo caso si tratta di considerare il coefficiente pari a 65.

I nostri consigli

Come abbiamo ribadito fin dall’inizio, è molto importante essere consapevoli dell’appartenenza di un fabbricato in cui si tiene una determinata attività produttiva alla categoria catastale D1.

Infatti soltanto in questo modo puoi sapere a quanto ammonta la rendita catastale e qual è l’importo che devi pagare in termini di tasse in riferimento all’immobile stesso.

Ti consigliamo sempre di affidarti anche ad un professionista specializzato, per riuscire a fare i calcoli corretti e non metterti nella condizione di violare le norme che regolano il pagamento delle imposte sugli immobili.

Infatti è fondamentale rispettare la normativa in vigore, perché altrimenti si potrebbe andare incontro anche a delle sanzioni di carattere amministrativo, che in certi casi possono anche non essere da sottovalutare.

La guida sulle categorie catastali

In questa guida ti abbiamo fornito tutte le informazioni che devi assolutamente conoscere sulla categoria catastale D1.

Abbiamo già messo più volte in evidenza che conoscere ed essere ben informati sulla categoria catastale dell’immobile di cui si è+ proprietari o dell’immobile che si vuole comprare è fondamentale in quanto la categoria catastale influisce sul pagamento delle tasse.

Noi di Likecasa, abbiamo, proprio per questo motivo, preparato una GUIDA GRATUITA e DETTAGLIATA all’interno della quale potrai trovare l’elenco di tutte le categorie catastali con le annesse caratteristiche: Categoria Catastale: Che Cos’è, Quanto Pesa Sulle Tasse! Elenco di Tutte Categorie Catastali!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here