Categoria Catastale C4: Cosa Identifica, Requisiti, Tasse! I Nostri Consigli!

categoria_c4

A che cosa è riferita la categoria catastale C4?

È molto importante essere consapevoli di questa definizione, anche per sapere a quanto ammonta la rendita catastale della categoria C4.

In base a questo valore infatti vengono calcolate le imposte e le tasse che si devono pagare in riferimento ai fabbricati che rientrano in questa categoria catastale.

Abbiamo preparato per te una guida, in cui ti spieghiamo in maniera particolareggiata tutte le casistiche che rientrano in questa categoria, facendoti riflettere opportunamente sull’importanza di saperne di più.

Se ti chiedi perché è così fondamentale sapere che un tuo fabbricato di proprietà appartenga alla categoria catastale C4, ricordati che per esempio anche l’Imu da pagare rientra fra quelle tipologie di tasse che sono dovute in base alla classe di appartenenza di un immobile.

Quindi non esitare a conoscere tutti i dettagli.

Iniziamo subito a scoprirli!

Definizione

Innanzitutto vediamo qual è la definizione di categoria catastale C4.

Le norme stabiliscono che sono compresi in questa classificazione tutti quei fabbricati che sono stati costruiti o adattati per alcuni specifici scopi.

Si tratta di fabbricati che non potrebbero avere una destinazione differente senza che vengano apportate delle trasformazioni che potremmo definire radicali.

La tipologia di fabbricati compresi in questa categoria catastale C4 è molto differente, visto che include dalle costruzioni destinate alle esercitazioni dei pompieri ai ricreatori religiosi, passando per le sale da ginnastica e per i locali per il dopo lavoro.

Ma vediamo quali sono i requisiti fondamentali per cui si possa parlare di categoria catastale C4.

Requisiti

Le norme distinguono due tipologie di locali che rientrano nella categoria catastale C4.

Infatti si fa riferimento all’articolo 10 della legge 1249 dell’11 agosto 1939.

Alcuni fabbricati non rientrano in questo articolo, ma vengono considerati facenti parte di questa classificazione, in quanto non hanno fini di lucro.

Per esempio possiamo ricordare a questo proposito, come già abbiamo specificato, le sale da ginnastica, i locali per le esercitazioni dei pompieri, i ricreatori religiosi e i fabbricati per il dopo lavoro.

Ci sono poi quegli edifici che rientrano nell’articolo 10 della legge che abbiamo nominato precedentemente quando hanno fini di lucro.

In questo senso vengono compresi nella categoria catastale C4 i teatri, i cinematografi, gli opifici e gli alberghi.

Non vengono comprese invece le palestre private a fini di lucro.

È da specificare che solitamente si tratta di fabbricati costruiti appositamente per le destinazioni che abbiamo nominato e che quindi necessitano di radicali trasformazioni per potersi rivelare adeguati agli scopi.

A cosa prestare attenzione

Abbiamo già detto e vogliamo ribadirlo che è molto importante prestare attenzione ai valori, anche di rendita catastale, che sono connessi a questo tipo di fabbricati.

In base a questi valori infatti vanno calcolate le tasse e le imposte da pagare sugli immobili.

Se non vuoi ritrovarti a pagare di più o di meno e quindi se non vuoi ritrovarti a non essere in regola dal punto di vista fiscale, fai attenzione al fatto che correttamente un fabbricato di tua proprietà rientri nella categoria catastale C4.

Tasse

Fra le tasse che si pagano in base alla categoria di appartenenza c’è l’Imu.

L’Imu va calcolata in base a dei moltiplicatori o dei coefficienti che sono diversi proprio a seconda delle categorie catastali.

In maniera particolare per quanto riguarda la categoria catastale C4, bisogna considerare il moltiplicatore di 140.

Per il calcolo dell’Imu si parte quindi dalla rendita catastale, che deve essere rivalutata del 5%.

Poi si moltiplica il valore che si ottiene per 140, che è il moltiplicatore Imu previsto dalla normativa in riferimento a questa classe di fabbricati.

Come calcolare l’Imu

Calcolare l’Imu non è complicato.

Per questo motivo abbiamo deciso di aiutare i nostri lettori anche nel calcolo dell’Imu.

Noi di Likecasa abbiamo preparato una guida specifica in cui ti spieghiamo come fare e ti guidiamo passo passo.

Se vuoi provare a calcolare l’Imu non perdere questa: Calcolo Valore Imu da Rendita Catastale: Guida al Calcolo dell’Imu del Tuo Immobile!

I nostri consigli

Il consiglio di noi di Likecasa è sempre quello di fare particolarmente attenzione quando viene attribuita una specifica categoria catastale ad un fabbricato.

È fondamentale infatti che vengano considerati correttamente i criteri per far rientrare un immobile in una determinata classe, per sapersi regolare anche su quanto pagare, visto che ci possono essere dei moltiplicatori o dei coefficienti, anche per l’Imu, molto diversi fra una categoria e l’altra.

La guida sulle categorie catastali

Se hai bisogno di trovare informazioni su altre categorie catastali sei sul sito giusto.

Noi di Likecasa abbiamo ampiamente trattato il tema proprio perchè pensiamo che le categorie catastali siano fondamentali e non debbano essere assolutamente sottovalutate.

Per questo motivo abbiamo preparato una guida che oltre a fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno si caratterizza per la presenza di tabelle riassuntive che potranno esserti molto d’aiuto.

Non perderla: Categoria Catastale: Elenco di Tutte le Categorie Catastali A B C D E F! Caratteristiche e Differenze! La Guida Completa!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here