Purificatori d’aria: Quale Scegliere e Prezzi!

65
purificatori d'aria o purificatore d'aria

Purificatori d’aria: che cosa sono esattamente?

Se ne sente parlare sempre e spesso si fa confusione con lo ionizzatore d’aria.

Ma qual è l’esatta differenza?

Perché è importante un purificatore dell’aria per ottenere una maggiore qualità dell’aria?

Scopriamone di più sul depuratore d’aria, vediamo come funzionano i purificatori aria e specifichiamo che cosa sono gli ionizzatori d’aria.

Ti aiuteremo anche fornendoti delle informazioni che ti possono risultare utili per poter scegliere il miglior purificatore d’aria.

Non è certamente un obiettivo facile, perché oggi esistono in commercio diversi apparecchi di questo genere.

Insomma non è facile scegliere il depuratore aria che possa fare al caso proprio, specialmente se abbiamo bisogno di un purificatore d’aria per allergie.

Tuttavia proveremo a fornirti delle indicazioni, in modo che tu possa comprendere più dettagliatamente tutti quei particolari che ti possono aiutare anche nella scelta più consapevole.

Sei pronto ad iniziare?

Andiamo con ordine!

Cosa sono i purificatori

I purificatori d’aria sono dei piccoli elettrodomestici che riescono a pulire l’aria degli ambienti interni, sfruttando un meccanismo che si basa su una ventola, su dei filtri e su altre tecnologie particolari, come per esempio la ionizzazione e i raggi UV.

Dovremmo renderci conto con più attenzione che l’aria all’interno delle case spesso è inquinata.

Può esserlo anche più dell’aria esterna.

Spesso in casa si ha a che fare con la polvere, all’interno della quale ci possono essere batteri, virus ed acari.

Inoltre nell’aria degli ambienti interni si possono trovare polline ed altri allergeni che provengono da fiori e piante, muffa, formaldeide, ozono, benzene e ossidi di azoto.

Questi agenti sono molto pericolosi, perché, se vengono inalati, potrebbero portare anche al manifestarsi di alcune patologie, come l’asma e le allergie.

Ecco perché è importante poter contare su purificatori d’aria o ionizzatore d’aria che rendano più pulita l’aria all’interno degli ambienti domestici.

Come funzionano i purificatori

Vediamo adesso il meccanismo di funzionamento dei purificatori d’aria, in modo che tu ti possa rendere conto dei vari metodi che sfruttano questi elettrodomestici per purificare l’aria interna.

Iniziamo direttamente da un componente essenziale: si tratta dei filtri.

I filtri

I filtri possono essere di differenti tipologie e gli stessi purificatori d’aria possono averne vari all’interno.

In linea generale, più sono i filtri, migliori saranno le prestazioni del prodotto.

È chiaro però che i purificatori d’aria con i filtri richiedono un’attenta manutenzione per la sostituzione dei filtri e più sono i filtri più tendono a consumare energia.

Fra i filtri più comuni possiamo ricordare quello a carbone, che si basa sui carboni attivi, i quali, grazie alla loro struttura porosa, riescono a trasformare il gas in liquidi.

Poi ci sono i filtri antipolvere, per catturare le particelle più grandi della polvere stessa.

Ricordiamo anche il filtro fotocatalizzatore, che è in grado di uccidere batteri e virus grazie al biossido di titanio e ai raggi ultravioletti.

Infine esiste il filtro HEPA.

Questo filtro riesce a trattenere particelle anche molto piccole, come quelle costituite da pollini, acari e muffe.

La sterilizzazione termodinamica

Questa tecnologia utilizza il calore per distruggere le impurità presenti nell’aria degli ambienti domestici.

L’aria viene aspirata all’interno di una struttura in ceramica.

Qua viene scaldata, fino a raggiungere una temperatura di 200 gradi.

In questo modo il calore distrugge le particelle.

Poi l’aria viene raffreddata e, una volta pulita, viene rimessa in circolo.

I vantaggi di questo sistema di purificatori d’aria consistono nel fatto che non occorre sostituire filtri.

Inoltre il consumo energetico è minore.

Ionizzatore

Ionizzatore: come funziona?

Il tutto si svolge attraverso il fenomeno della polarizzazione elettronica, che serve ad intrappolare le particelle nocive presenti nell’aria degli ambienti interni.

Attraverso la produzione di ioni negativi, le particelle, legate proprio a questi ioni, si caricano elettricamente.

Un filtro interno con una carica opposta le attiva e le intrappola.

In genere poi agisce un filtro interno per purificare l’aria.

Generalmente questi purificatori d’aria producono una piccola quantità di ozono, che serve anche a rimuovere gli odori e a distruggere gli allergeni.

È bene però fare attenzione che la quantità di ozono prodotta non sia eccessiva, perché potrebbero sorgere altri problemi.

È molto importante acquistare dei purificatori d’aria in grado di rilevare anche la concentrazione di ozono nell’aria.

In questa maniera puoi regolarti, perché l’ozono in eccesso potrebbe legarsi ad altre sostanze, producendo delle molecole irritanti.

L’irradiazione ultravioletta

Ci sono anche dei purificatori d’aria ad irradiazione ultravioletta.

In questo caso l’aria viene sterilizzata attraverso i raggi UV.

L’aria viene spinta con una ventola verso le lampade UV, che distruggono le particelle nocive.

Questi purificatori d’aria sono indicati soprattutto per agire contro le muffe.

migliore purificatore d aria
img tratta dal sito ufficiale

Quale purificatore scegliere

Puoi trovare i purificatori d’aria nei migliori negozi di elettrodomestici.

Puoi trovare differenti modelli, come ad esempio il purificatore d’aria ad acqua.

In realtà spetta a te scegliere quale tipologia comprare, anche perché i marchi possono essere differenti ed offrono tutti dei prodotti di una certa qualità.

Proprio in termini di marche di purificatori d’aria, possiamo ricordare il purificatore d’aria Dyson, il purificatore d’aria Daikin, il purificatore d’aria Philips, per ricordare quelli più noti.

Esiste anche un’altra marca, Asiagem con prezzi che possiamo ritenere convenienti.

In particolare su Asiagem le opinioni rilasciate dagli utenti sono sempre positive.

I prezzi

I prezzi dei purificatori d’aria sono molto vari, per esempio De’Longhi AC 75, un depuratore trifasico a filtri HEPA, costa circa 111 euro.

Il Philips AC 4012/10, sempre con filtri vari fra cui un filtro HEPA e un filtro a carboni attivi, ha un prezzo più alto, circa 299 euro.

Il WDH WDH-616b, che serve soprattutto a sterilizzare ambienti di piccole e medie dimensioni con filtri HEPA e con la dotazione di lampada UV, si può trovare anche ad un prezzo più basso rispetto agli altri che abbiamo ricordato.

Infatti si può acquistare ad 85 euro.

Come scegliere: i criteri

Fra i criteri da tenere in considerazione per scegliere i migliori purificatori d’aria, c’è sicuramente l’efficacia del sistema di filtrazione.

Già abbiamo specificato come per esempio i sistemi che producono ozono si rivelino efficaci, perché riescono ad uccidere microrganismi e ad assorbire odori particolari.

Però la concentrazione dell’ozono non dovrebbe essere particolarmente elevata, per non creare ulteriori danni.

Ecco perché bisognerebbe fare sempre una comparazione fra efficacia della purificazione e ulteriori complicazioni in cui si potrebbe incorrere.

Più che altro bisogna stare attenti a quali sono quei modelli che presentano in contemporanea più sistemi di filtrazione, che potrebbero essere quelli più efficaci nel sistema di purificazione dell’aria.

Esistono purificatori d’aria di dimensioni differenti, quindi come scegliere relativamente a quest’altro aspetto?

In questo caso si deve fare riferimento all’area più o meno grande che l’apparecchio è in grado di coprire.

È inutile scegliere un purificatore più grande, se l’area da purificare corrisponde ad un ambiente molto piccolo.

Esistono poi dei modelli dotati di manico e rotelle, che possono essere spostati da un ambiente all’altro, a discrezione dell’utente.

Devi confrontare bene i prezzi ed essere consapevole delle tue esigenze.

Inoltre potresti basarti anche sul tenere in considerazione il criterio della silenziosità, aspetto che non va sottovalutato.

Tieni presente per esempio che una regolazione alta della ventola, che di solito è più rumorosa, può essere impostata quando non sei in casa.

Quando ti trovi nell’ambiente domestico, se non vuoi sentire inutili rumori, puoi impostare una regolazione bassa.

Quindi, per avere più opzioni di scelta, acquista il purificatore d’aria che ti dà la possibilità di effettuare le varie regolazioni in maniera opportuna, variando i decibel che potrebbero essere emessi per ogni livello di regolazione.

Può interessarti anche: Costo installazione condizionatore: di cosa si tratta!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here